Archivi categoria: Senza categoria

Um pis da stæ sa te

 

Um pis da stæ sa te

Um pis da stæ sa te
parchè, snò a sluntanæm un pò,
u m si fà scur,
cumè ch’u s’ smurtés
dal lampadòini
o al steli sò te’ zil.
Um pis da stæ sa te
parchè e’ mi cor e’ dà da mat
se un bat a temp se’ tu
e u m tucarì santói
cla musica ztunæda
drointa la cóffia.
Um pis da stæ sa te
parchè i tu ócc’
j è cumè la mæna
ch’ la m’acumpagna
soura stla stræda
ch’la stà pardénd
al stréssi bienchi sl’asfælt.

A vréb es bon da tèss la roida
cumè un talaragn,
per ingavagnet cumè una mosca,
per fæt ristæ sempra sa me.

Mi piace stare con te

Mi piace stare con te
perché, solo allotanandomi un po’,
mi si fa buio,
come se si spegnessero
delle lampadine
o le stelle su nel cielo.
Mi piace stare con te
perché il mio cuore da di matto
se non batte il tempo con il tuo
e mi toccherebbe sentire
quella musica stonata
dentro la cuffia.
Mi piace di stare con te
perché i tuoi occhi
sono come la mano
che mi accompagna
sopra questa strada
che sta perdendo
le striscie bianche sull’asfalto.

Vorrei essere capace di tessere la rete
come un ragno,
per invischiarti come una mosca,
per farti restare sempre con me.

Temp da nòiva

Temp da nòiva

Stamatòina e’ bat l’onda tla scugliera
e a tramuntæna e’ zil u s’inscuréss :
“L’ è temp da nòiva” – i dòis – ” e la n’è cera,
ch’u j è un furien (!) ch’l’aróiva, brót ribéss !”

U j è cuchel ancoura ch’j è in tera,
mo u s vòid anchè a òc’ nud che i patéss
e i spera c’ vènga una gran bufera
e ondi ælti che li i porta i péss !

Al bærchi a l j òintra svelti drointa e’ port,
che u n si sa mai che’ dievli ch’l’arvarà,
e mi mutur i i tóira e’ col fort, fort,

che quéi ch’i n’è curs vì, j è ancoura a là
e u n’ha cuntæ andæ sòta e’ bocaport,
a racmandæs e urlé e’ nom dla Ma.

Tempo di neve

Stamattina batte l’onda nella scogliera
e a tramontana il cielo s’inscurisce:
“E’ tempo da neve” – dicono – “e c’è incertezza,
che c’è una bora (!) che arriva, brutta maledetta!”

Ci sono i gabbiani ancora a riva,
ma si vede anche ad occhio nudo che soffrono
e sperano che venga una gran bufera
e onde alte che portino loro i pesci !

Le barche entrano svelte nel porto,
che non si sa mai che diavoleria arriverà,
ed ai motori tirano il collo forte, forte,

che quelli che non son scappati, sono ancora la
e non è contato andare sotto il boccaporto,
ad implorare ed invocare il nome della Mamma.

E’ fiour

E’ fiour

Un fiour
l’è cmè un mument
dla nosta vóita:
e’ bóta,
e’ slærga al fòj,
e’ ciapa i su culur,
e’ spargóia udour,
u s’ingubés,
e’ fnés in gnent.
E’ resta snò un ricord,
cumè chi sprai
ad cuntantèzza
ch’u s’ capita mados:
i nas,
i slonga al brazi,
i tènz tót quant ad rosa,
i’ indulzés l’aria,
i taca a pènd,
i fnés in gnent
cumè che fiour.

Il fiore

Un fiore
è come un momento
della nostra vita:
sboccia,
allarga le foglie,
prende i suoi colori,
spande profumo,
s’ingobbisce,
finisce in niente.
Resta solo un ricordo,
come queli sprazzi
di felicità
che ci capitano addosso:
nascono,
protendono le braccia,
tingono tutto di rosa,
addolciscono l’aria,
iniziano a pendere,
e finiscono in niente,
come quel fiore.

La campæna

La campæna

Tu dici, E’ l’ora;tu dici, E’ tardi,
voce che cadi blanda dal cielo.
Ma un poco ancora lascia che guardi…
“L’ora di Barga” – G. Pascoli

A vréb ciamæt “campæna maledèta !”
che t’ sté rumpéndmi l’anma a s chi rintóch,
mo al sò che t’ sì sultænt un bon pustoin
ch’e’ souna per cunsgném la “racmandæda”.
Da quand ch’a sò dasdoi se scaranoun,
ch’ l’è fat si calandéri ch’ ho mucé,
a sint perfina i sbrés ch’ fà la tu coda,
che proima l’era snò un gran scaramaz
ch’u s’invruceva te gran buliroun
ch’u m sfurmigheva drointa te zarvel.
Ho la valóisa prounta te cantoun,
mo a t dmand snò un piasoir: ferma e’ batoch.
Snò pr’un mument ! U m basta guasi un gnent !
Mazæd dal robi grandi ch’a l m’ ha quert,
ch’ li m’ ha nighé perfina i raz de soul,
a stagh curénd snò ades cal robi znini
ch’ li m zcor cumè un burdlin abandunæd
ch’a n’ ho putù fæj gnenca una carèzza
e a stagh cujénd pien, pien tót chi fiurlin
ch’ j avoiva d’ès tænt bél anchè cla volta,
mo ch’a n’ ho mai putù sintóij l’udour.
E avnirò sò, cumè una pavaiota,
snò si pì nud, ch’a i stagh rubénd mal scherpi,
ch’a l resta a quà, bluchedi tla gramègna.

La campana

Vorrei chiamarti “campana maledetta !”,
che stai tormentandomi l’animo coi tuoi rintocchi,
ma lo so che sei soltanto un buon postino
che suona per consegnarmi la “raccomandata”.
Da quando son seduto sul seggiolone,
fatto dai tanti calendari che ho ammucchiato,
sento perfino il fruscio della tua corda,
che prima era solo tutto un gran schiamazzo
che si tramestava nel gran bollirone
che mi sformicava nel cervello.
Ho la valigia pronta nell’angolo,
ma ti chiedo solo un favore: ferma il batocco.
Solo per un momento ! Mi basta un niente !
Sopraffatto dalle cose grandi che mi han coperto,
che mi han negato fino i raggi del sole,
stò curando solo adesso quelle piccole cose
che mi parlano come un bimbo abbandonato
al quale non ho potuto fare nemmeno una carezza
e stò cogliendo piano, piano tutti quei fiorellini
che saran stati tanto belli anche allora,
ma che non ho mai potuto sentire il loro profumo.
E verrò su, come una farfalla,
solo a piedi nudi, che li sto sottraendo alle scarpe,
che restano qua, bloccate dalla gramigna.

E’ scaranoun

E’ scaranoun

Un dè anché nun a sirmi d’j…amaled
e dla pulética a i n’ém fat parècia,
avénd sudisfazioun snò pochi volti
e pù magnes e’ fègat tót ch’jilt dè.
A sirmi dvint perfina d’j acanóid
e a s’instichimi sempra tra al… “s-ciuptædi”
ch’a l dimi, però, indrì ma j averseri.
L’era un zert modi, quél, da fæ bataja,
che gnént dà gnént e u t’ tucarà cumbat
se t’ vù issé piò in ælt la tu bandira !
Mo pò avém vést, te mez de’ s-ciuptadéz,
ch’u n si capôiva ben chi ch’e’sparæva;
s’ l’era cartôci di nurmel “nemóigh”,
o ad qualcadun di “nóst”, brót spudared,
ch’j eva paura ch’a vlésmi e’ scaranoun !
Ém dét: “Burdél ! Savóiv cumè ch’ la stà ?”
Andé a zarché quajun da ælti pærti:
s’i nóst avém pansæ d’ fæ…æltri robi !”
E da che dè a sém bun zitadoin,
sla nosta idea, ch’a cridém cla bona,
andém sempra a vutæ savénd ch’ l’è un dvoir,
e ma quèi ch’i’ zirca snò ch’e’…scaranoun,
a i gém: “Se propi a l vlói, zarchev un…falignem !!”

La poltrona

Un gorno anche noi eravamo degli…ammalati
e della politica ne abbiam fatta tanta,
avendo soddisfazione solo poche volte
e poi mangiarci il fegato tutti gli altri giorni.
Eravamo diventati perfino degli accaniti
e c’infiltravamo sempre fra le “schioppettate”
che le davamo, però, di rimando agli avversari.
Era un certo modo, quello di fare battaglia,
che niente dà niente e ti toccherà combattere
se vuoi issare più alta la tua bandiera!
Ma poi abbiamo visto nel mezzo delle sparatorie
che era fatica a dire chi sparasse:
se erano cartucce dei normali “nemici”,
o di qualcuno dei “nostri”, brutti spudorati,
che temevano pretendessimo la poltrona !
Abbiam detto: “Ragazzi! Sapete come stà?
Andate a cercare coglioni da altre parti:
coi nostri abbiam pensato di fare… altre cose!”
E da quel giorno siam buoni cittadini,
con la nostra idea che crediamo la migliore,
andiam sempre a votare sapendolo un dovere,
e a quelli che cercano solo quella… poltrona,
diciamo: “Se proprio la volete, cercatevi un…falegname!!”

E’ svanóid

E’ svanóid

L’andeva avænti
pien e trabalénd,
cumè una bærca
drointa una marèta,
sla testa piò tal nóvli
cnè sal spali,
cumè
ch’e’ stés zarchénd qualcosa,
che u n savoiva
gnenca quèl ch’e’ fóss.
L’è arvat in fond dla stræda,
pù l’è svolt
e l’è sparói
cumè ch’e’ fóss voul vì,
cumè ch’u s fóss instèch
drointa una nèbbia féta,
piò féta ad quèla ch’ l’eva te zarvel.

Lo svanito

Andava avanti
piano e traballando,
come una barca
nel mezzo d’una maretta,
colla testa più fra le nuvole
che sulle spalle,
come
se stesse cercando qualcosa,
che non sapeva
nemmeno ciò che fosse.
È arrivato in fondo alla strada,
poi è svoltato
ed è sparito
come se fosse volato via,
come se si fosse infilato
dentro una nebbia fitta,
più fitta di quella che aveva nel cervello.

Mær

Mær

A sint
la nota ch’ la chenta
urazioun ad Ma,
ch’a l passa al scugliri
e, soura la bæva de mær,
a l carèzza
vóiti zovni, ingulædi.
E steli
che, cumè dal candòili sl’altær,
a l fà lómm mi vul d’anzli,
soura cal tombi te scur,
cumè un countrachent me dulour !
A sint e savour ‘d salamoria
dal j ondi liziri, liziri,
ch’a l zfà la su s-cióma
cumè per paghé la su cóipa e e’ pær
che a l déga: “pardoun !!”.
I cuchel, senza fié,
i s’è masé tla nota !

Mare

Sento
la notte che canta
orazioni di mamme
che oltrepassano le scogliere
e, sopra la bava del mare,
accarezzano
vite giovani, ingoiate.
E stelle
che, come candele all’altare,
illuminano voli d’angeli,
sopra quelle tombe nel buio,
come un controcanto al dolore !
Sento il sapore di salsedine
delle onde leggere, leggere,
che dissolvono la loro schiuma
come per pagare la loro colpa
e sembra
che dicano: “perdono !!”
I gabbiani, ammutoliti,
si son nascosti nella notte !

L’è un sôffi ad vent

L’è un sôffi ad vent

L’è un sôffi ad venti
ch’u m cóica e u m’acumpagna
e l’è una bæva ad mær
ch’ la m fà sdindlé sla bærca,
ch’ la m porta zirandlun
in zirca d’un qualcosa
ch’a n sò gnenca quèl ch’ l’è.

S’u s ferma e’ vent
e e’ mær e’ dventa léss,
u m tòcca ristæ a lè
duvè ch’a sò
e… a n sò invéll !

È un soffio di vento

È un soffio di vento
che mi sospinge e m’accompagna
ed è una bava di mare
che mi fa dondolare sulla barca,
che mi porta a vagare
in cerca di un qualcosa
che non so nemmeno cosa debba essere.
Se si fermerà il vento
ed il mare diventerà liscio,
mi toccherà restare lì
dove sono
e… non sono da nessuna parte !!

E’ temp

E’ temp

No ! Nu fiaza !
Resta a lè duvè t’ sì, ferma e móta !
Ta n mi diréb piò
al paroli che ta m givi sempra;
ta n’avréb piò t j ócc’,
ch’i era bun ad cantæ,
cl’armunì ad steli.
Ta n savréb piò
pasæm soura i cavéll,
cla pióma ch’ l’era la tu mæna.
Resta a lè duvè t’ sì !
A rest fermi anche mè.
Ristéma senza movsi,
ognun si su ricurd,
per arsantói zil ad viuloin…
carèzzi ad anzli…
scaramaz ad baticor…
E’ temp l’è un criminæl !
Nu s’ fèma mazæ da e’ temp !
Ristéma cumè aloura !
La chémpa per quèst, l’ilusioun !!

Il tempo

No ! Non fiatare !
Resta lì dove sei , ferma e muta !
Non mi diresti più
le parole che mi dicevi sempre;
non avresti più negli occhi,
che sapevano cantare,
quell’armonia di stelle.
Non sapresti più
passarmi sui capelli,
quella piuma che era la tua mano.
Resta lì dove sei !
Resto fermo anch’io.
Restiamo immobili,
ognuno coi propri ricordi,
per risentire cieli di violini…
carezze d’angeli…
schiamazzo di batticuori…
Il tempo è un criminale !
Non facciamoci uccidere dal tempo !
Restiamo come allora !
Vive per questo l’illusione !!

Tra i mi munt

Tra i mi munt

Ho trov d’arnov la pæsa tra i mi munt !
Ho tòch s’un dòid ancoura e’ zil,
c’l’è a lè a purtæda ad mæna,
c’um pær ad sintì e’ rispóir de’ Signour.
Ho vést ancoura, te’ fond di calancun,
sòta i castagn,
un mær ad erba duv c’u s’j arugla al pigri,
al chesi sbruclædi tanchedi sò mi’ grépp,
c’al bóta i spraj, quand c’u si spècia e’ soul,
cal bel stradini bienchi,
c’al s’invrócia sòta cumè bésci.
Ho vést ancoura i vécc’dla mi muntagna,
cumè di’ fóst d’arvura stasunæda,
ch’i rapa sò cuntint mi’ zcurtadur
s’una fassoina ad stéch soura la spala.
Avòiva las la bòba dla zità,
e’ fómm c’u m féva dvantæ zal,
al strædi lærghi,
duvè ch’i fà “crès-móóc'” per tænta rèssa…
la zenta c’la maligneva ad tótt,
c’l’a s n’intandòiva ad tótt,
c’la pretendòiva tótt…
per arvé a què tra quéi ch’i n pretend gnent,
ch’i s’acuntenta ad gnent…
ch’j è cuntent da zughé sa me
soura una bænca tl’ustarì
e ui pær d’avoi e’ mond te’ pógn !
Avòiva prighe e’ Signour
(mè, ch’j à sempra fat tænta fadóiga
a fæm prighè),
c’um fés vòida ancoura al mi strædi si’ ciòtli
tachedi sò countra la piaza…
al chesi scourghi,
si’ curnisun ch’j aróiva ma la frounta…
al porti vèci, sla marlèta ad fura !
Avòiva smès da róid, avòiva smèss d’magné,
a s’era dvent una spece d’un rumóid…
e a sò avnù vì canténd
cumè un gazot ch’e’ scapa da la gabia !
Oz a sò què te’ mi lèt
c’a faz e’ tifo per una mosca,
c’la zirca ad libaræs da un talaragn
tra i trév ad lègn !
A salut d’ogni tænt i mi amòigh
che, pasénd ma la stræda,
i fà “bus, bus” ma la finestra
e a guærd e’ campanóil
sla campæna c’la s’mov…
S’la fà la prova da sunæ da mort
a n’ò paura:
E’ campsænt l’è a què a du pas !
A ristarò e, per sempra, tra i mi munt !

Tra i miei monti

Ho ritrovato la pace tra i miei monti !
Ho toccato con un dito il cielo,
che è lì a portata di mano,
che mi pare di sentire i respiri del Signore.
Ho visto ancora nel fondo dei calanconi,
sotto i castagni,
un mare d’erba dove scampagnano le pecore,
le case scrostate abbarbicate ai greppi,
che sprizzano quando gli si specchia il sole,
quelle belle stradine bianche,
che s’intorcigliano sotto come biscie.
Ho rivisto i vecchi della mia montagna,
come fusti di rovere stagionato,
che arrancano contenti per le scorciatoie
con una fassina di sterpi sulle spalle.
Avevo lasciato il chiasso della città,
il fumo che mi faceva diventare giallo,
le strade larghe,
dove fanno il “pigia-pigia” per tanta ressa…
la gente che malignava di tutto,
che se ne intendeva di tutto,
che pretendeva tutto…
per arrivare qui tra quelli che non pretendono niente,
che si accontentano di niente…
che sono contenti di giocare con me
sopra una panca nell’osteria
convinti d’avere il mondo nel pugno!
Avevo pregato il Signore
(io, che han sempre fatto tanta fatica
a farmi pregare),
che mi facesse rivedere le mie strade di ciottoli
che salivano verso la piazza…
le case scorticate,
coi cornicioni che arrivano alla fronte.
le porte vecchie col batterello all’esterno !
Avevo smesso di ridere, di mangiare,
ero diventato una specie di eremita…
e son venuto via cantando
come un uccello che esce dalla gabbia !
Oggi son quì nel mio letto
che faccio il tifo per una mosca,
che cerca di liberarsi dalla tela di ragno
tra i travi di legno !
Saluto ogni tanto i miei amici
che, passando per la strada,
fanno capolino alla finestra
e guardo il campanile
con la campana che si muove.
Se fa la prova da suonare da morto
non ho paura:
Il cimitero è quì a due passi !
Resterò, e sempre, tra i miei monti !