Archivio dell'autore: andrea607

E fiour – Radio Emilia Romagna Podcast

Vi segnialiamo una puntata dedicata a Valderico, nella rubrica “Racconti d’autore” di Radio Emilia Romagna.

Il podcast è raggiungibile all’indirizzo: http://www.radioemiliaromagna.it/programmi/racconti-autore/fiour-fiore.aspx

Ringraziamo per l’interesse e l’attenzione Vittorio Ferorelli e tutta la redazione di Radio Emilia Romagna.

La storia del dopoguerra

La storia d’un dop guera… acsè per roid

La storia di un dopo guerra… così per ridere

1 – I Fascésta e la guera

A sirmi ned tra tóti al smanganlaedi
ch’i deva, s’l’uli ad recin, i Fascésta
e e’ nost Ba l’ha avú una cagarela
da vloi e’ zèss per daes una stagneda.
Un dè a s’sém truv s’una camoisa nira,
un s-ciop ad lègn per imparae la guera,
ch’a sirmi… “Ot migliun ad baiunèti”
ch’avrésmi fat pulpeti ad tót j Inglois.
I s’ha sgancè tent bombi, cumè al frofli
ch’al chèsca quand ch’e’ bófa da punent
e nun, ch’a n’imi gnenca un strounch d’umbrela,
avimi snò da urlè ch’avimi voint.
E voinz un dè e voinz tot quanti al volti,
apena che l’è arvat j Americhen
a j avém dét: “Nun avém voint bastenza,
dès tót la ciuculata e a v’lassèm stè!”
E sopti al nost camoisi in tintorí,
che ognun avém vlu fae e’ nost culour:
a que in magiurenza e’ culour ròss,
che i Prit i n’eva ancoura cambiè désch
e i s’vloiva pasculè s’un urazioun,
che i Cumunésta, invici, i cuncurint,
sa tót i sú banchét ch’j eva piazé,
i s’deva e’ Paradois a… mità prezi!

1 – I Fascisti e la guerra

Eravamo nati tra tutte le manganellate
che davano, con l’olio di ricino,
i Fascisti e nostro babbo ha avuto una diarrea
da volergli il gesso per darsi una stagnata.
Un giorno ci siamo trovati una camicia nera,
un fucile di legno per imparare la guerra,
che eravamo… “Otto milioni di baionette”
che avremmo fatto polpette di tutti gli Inglesi.
Ci hanno sganciato tante bombe, come le tante falde
che cadono quando nevica da ponente
e noi, che non avevamo nemmeno un ombrello
dovevamo solo urlare che avevamo vinto.
E vinci un giorno e vinci tutte quante le volte,
appena sono arrivati gli Americani
gli abbiam detto: “Noi abbiam vinto abbastanza,
dateci tutta la cioccolata e vi lasciamo stare!”
E subito le nostre camicie in tintoria,
che ognuno ha voluto fare il suo colore:
quí in maggioranza il colore rosso,
che i Preti non avevano ancora cambiato disco
e ci volevano pascolare con un’orazione,
che i Comunisti, invece, i concorrenti,
su tutti i loro banchi che avevano piazzato,
ci davano il Paradiso… a metà prezzo!

2 – L’armistóizi

Da l’ot ‘d Setembri de’ quarantatre,
da quand ch’avém dét basta ma la guera
(“basta” per dói, parchè da che mument
émm pas, cumè ‘t’l’inferna, tót i guai)
a sém stae sota al groinfi di Tedésch,
ch’i s’vloiva ben cumè m’i chen rugnus,
ch’avimi fat sa lou un “Pat d’Azaer”,
ch’u s’era ardót un pat ad cherta pèsta,
s’un Re che l’è curs ví comè una pala
e nun?: un braench ad pigri senza e’ chen.
I s’éva mand in Grecia e in Albaní,
ch’avimi d’andè fè una scampagneda,
sa di scarpun che l’era tot cartoun:
si pí tót cungelid a sém curs ví,
ch’i n’eva gnench la sfrombla per daes drí!
A sirmi in Libia si nost cararmid
sal botti pini d’aqua per benzina,
ch’ém fat sblighè da roid anchè j Inglois!
A chesa i vécc’, ch’j avoiva da badae
a toti al robi ch’a j èm las sal spali,
j avoiva la razioun d’un etto ad paen
e al zigarèti fati ad foji ad chevli!
Avém fat “sgoffa” e avém tolt sò i butun
cumè i burdél quand ch’a zughimi a pala.

2 – L’armistizio

Dall’otto Settembre del quarantatré,
che abbiam detto basta alla guerra
(“basta” per dire, perché da quel momento
abbiam passato come in inferno tutti i guai),
siamo stati sotto le grinfie dei tedeschi,
che ci volevano bene come a dei cani rognosi,
che avevamo fatto con loro un “Patto d’Acciaio”,
che si era ridotto un patto di carta pesta,
con un Re scappato come una palla
e noi?: un branco di pecore senza il cane.
Ci avevano mandato in Grecia e Albania,
che dovevamo andare a fare una scampagnata,
con degli scarponi che erano tutto cartone:
coi piedi tutti congelati siamo scappati,
che non avevano nemmeno la fionda nell’inseguirci!
Eravamo in Libia coi nostri carri armati
con le botti piene d’acqua per benzina,
da far sbellicare dal ridere anche gli Inglesi!
A casa i vecchi, che dovevano badare
a tutte le cose che abbiam lasciato sulle loro spalle,
avevano come razione un etto di pane
e le sigarette fatte di foglie di cavolo!
Abbiamo fatto “arraffata” e raccolti i bottoni
come i ragazzi quando giocavamo a palla.

3 – La democrazí

I mur j era tót quirt ad manifèst,
al piazi pini zèpi ad cumizient,
una parola, ormai sla bòca ad tót
“Democrazí”…”Democrazí”…”Democrazí”
che un dè l’era per nun ‘na parulaza,
s’i fascésta che ji spudeva soura
e invici ades l’era cumè e’ furmaj
ch’u s’mèt sa tót i piat per cundiment.
E’ nost vucabulèri u s’la spiegheva
cumè… “gverni ad popul ch’l’è suvrèn”…
o mèj che ‘era e’ popul ch’e’ cmandèva (!!)
A sirmi stè baléla, avanguardésta,
avimi fat al nost prelimitèri
a pet in fura cumè di granatir,
mo s’a mitimi e’ bèch ad qualchecosa,
e’ mènch ch’i s’déss, l’era dò chelz te cul!
Ades da sèch.. ch’avésmi cmandè nun?
Pansè ch’j avoiva smès perfina in Cisa,
a dòis, cmè sempra, “care pecorelle”
e ch’a putimi dòi senza paura
che in Cisa a j andimi s’u s paroiva!!
L’era cambiè qualcosa zertament!

3 – La democrazia

I muri erano tutti coperti da manifesti,
le piazze piene zeppe di comizianti,
una parola, ormai, sulla bocca di tutti
“Democrazia”…”Democrazia”…”Democrazia”
che un giorno era per noi una parolaccia,
sotto i fascisti che gli sputavano sopra
e invece adesso era come il formaggio
che si mette su tutti i piatti per condimento.
Il nostro vocabolario ce la spiegava
come… “governo di popolo sovrano”…
o meglio che era il popolo che comandava (!!)
Eravamo stati balilla, avanguardisti,
avevamo fatto le nostre prelimilitari
a petto in fuori come dei granatieri,
ma se mettevamo il becco in qualche cosa,
il meno che ci dessero, erano due calci in culo!
Adesso di colpo… che comandassimo noi?
Pensate che avevano smesso perfino in Chiesa,
a chiamarci, come sempre, “care pecorelle”
e che potevamo dire senza paura
che in Chiesa vi andavamo se ci garbava!!
Era cambiato qualcosa certamente!

4 – I partóid nuv

Cumè tent ambulent, ch’j urla sla piaza
e tòt i t’vò puzè al su  mercanzí,
i partóid nuv i feva un scaramaz
da faet andè la testa ‘t e’ paloun.
L’era voint an ch’i n’gioiva una parola,
che j era stè lighed ma la cadoina
e i su cap, ch’i n’vloiva al musaroli,
j era stè cius t un’insulèta znina
che per scapèi bsogna mazè i peschen.
Ades u j era, invici, un baiadéz
da fè fadiga gin’a supurtèl
e i feva a gara a quel ch’e’deva ad piò,
che s’t’avés dmand, per ches, un pez ad luna,
j avoiva za e’ curtel per faet la fètta,
sla zenta tóta in piaza a bòca verta
cumè ch’caschès d’e’ zil di piat ‘d spaghét.
Mo di gran murs fra ‘d lou da fè paura,
che un l’era vandud mi “Papalin”,
che un aent e ‘vloiva snò j Americhen
e quei ch’i vloiva snò ch’l’arvés Stalin
per mèt a post al robi cumè in Róssia (!).
E i n’vloiva gnent!: Snò e’ vót tal j elezioun!

4 – I partiti nuovi

Come tanti ambulanti, che urlano in piazza
e tutti vogliono appiopparti le loro mercanzie,
i partiti nuovi facevano uno schiamazzo
da farti andare la testa nel pallone.
Erano venti anni che non dicevano una parola,
che erano stati legati alla catena
e i loro capoccia, che non volevano la museruola,
erano stati confinati in un’isoletta tanto piccola
che per uscirne bisogna uccidere tutti i pescecani.
Adesso c’era, invece, un abbaiamento
da far fatica fino a sopportarlo
e facevano a gara a chi dava di piú,
che se domandavi, per caso, un pezzo di Luna,
avevano già il coltello per fartene una fetta,
e la gente tutta in piazza a bocca aperta
come cascassero dal cielo dei piatti di spaghetti.
Ma dei grandi morsi fra di loro da far paura,
che uno era venduto ai “Papalini”,
che un altro voleva solo gli Americani
e quelli che volevano solo che arrivasse Stalin
per mettere a posto le cose come in Russia (!).
E non volevano niente!: solo il voto alle elezioni.

5 – La ricustruzioun

Intènt che tót i feva un gran malan,
ch’u n’ si capoiva gnenca quel ch’i s’gés,
avimi tachè a fè un pò ‘d fundazioun
mi nóst capan, distrót dal canunèdi.
“Mo lassè andè” i s’gioiva qualchedun
“ch’i sta ‘rivénd quei ch’i v’arfà la chesa!”
e, gend acsè, j andeva a fè dó bal
tal festi urganizèdi da j Inglois.
L’era fatiga a butè ví e’ picoun,
mo fè ènca la pèrta de’ pataca
intènt ch’i s’inguzèva ad ciuculata!
Ém prov a dòi che un temp un San Tumès…
mo guai (!) che t’avés fní e’ paragoun,
che t’ s’irti un mamalòch d’un disfatésta…
che t’ a n’cridivi tal rivoluzioun…
che l’era fnida per i sfrutadur
ch’i t’feva s-ciantè al j ossi fin a’ nota…
che l’era e’ Staet che ades e’ feva tòt!
Fortuna che e’ picoun a n’l’ém bót ví,
si nò u s’tucheva déj a forza d’óngi,
che, ad tót j ufoizi de’ palaz de’ Staet,
avém trov scrét sla porta… “Ufficio Tasse”!

5 – La ricostruzione

Intanto che tutti facevano un gran baccano,
che non si capiva nemmeno ciò che dicessero,
avevamo iniziato a fare un po’ di fondazioni
ai nostri capanni, distrutti dalle cannonate.
“Ma lasciate andare” ci diceva qualcuno
“che stanno arrivando quelli che vi rifanno la casa!”
e, dicendo cosí, andavano a fare due balli
nelle feste organizzate dagli Inglesi.
Era fatica gettare il piccone,
ma anche fare la parte dello scemo
intanto che s’ingozzavano di cioccolato!
Abbiam provato di dire che un San Tommaso…
ma guai (!) tu avessi finito il paragone,
che eri un mammalucco d’un disfattista…
che non credevi nella rivoluzione…
che era finita per gli sfruttatori…
che ti facevano schiantare le ossa fino a notte…
che era lo Stato che adesso faceva tutto!
Fortuna che il piccone non lo abbiamo gettato,
altrimenti ci toccava dargli a forza di unghiate,
che, in tutti gli uffici del palazzo dello Stato,
abbiam trovato scritto sulla porta… “Ufficio Tasse”!

6 – I sfazzandir

J era stè pers ad vésta da un pò ‘d temp,
quei ch’j ha serví la Patria… ugualment,
fasénd la guèrdia m’un bidoun ‘d benzina!
Dop ch’j era dvent i Ré de’ marchè nir,
i s’era cnu masè ‘t i scantined,
che al bombi li n’guardèva i distintòiv,
mo, cmè al lumeghi, che li scapa fura
apena che l’è pas e’ tempurèl,
i s’è infilè tra i prisuniir Tedèsch
e insen j ha svalisè i chemp ad prisuní,
che chi puraz d’Inglois, a mala pena,
j avoiva un pò ‘d benzina per zirè,
ch’i j eva sgombri tót i serbatoi.
J era pò sempra lou, i “sfazzandir”,
che ades i distintoiv i n gn’eva piò,
mo ad tesseri i n’avoiva un scataféss
(òna per ogni gverni ch’e’ cambieva!),
ch’i sganassaeva senza remissioun.
Ades, però, u n’era cmè ‘na volta:
ades t’putivi dèj di farabót
e urlej tóti al purcheri ch’u t’paroiva.
L’è stae la goula che la n’ha tnú bota!!

6 – I faccendieri

Erano stati persi di vista da un po’ di tempo,
quelli che avevano servito la Patria… ugualmente,
facendo la guardia ad un bidone di benzina!
Dopo essere diventati i Re del mercato nero,
si erano dovuti nascondere negli scantinati,
che le bombe non guardavano i distintivi,
ma, come le lumache, che escono fuori
appena passato il temporale,
si sono infiltrati tra i prigionieri Tedeschi
e assieme hanno svaligiato i campi di prigionia,
che quei poveracci degli Inglesi, a mala pena,
avevano un po’ di benzina per circolare,
che gli avevano svuotato tutti i serbatoi.
Erano poi sempre loro, i “faccendieri”,
che adesso i distintivi non li avevano più,
ma di tessere ne avevano uno scatafascio
(una per ogni governo che cambiava!),
che sganasciavano senza remissione.
Adesso, però, non era come un tempo:
adesso potevi dar loro dei farabutti
e urlare tutte le porcherie che ti pareva.
È stata la gola che non gliel’ha fatta più!!

7 – La Repóbblica

Avimi avù un Re che’l’era tènt znin,
cumè ch’i n’avés fnòi da parturoil,
mo ch’l’era pin ‘d mudaj dimpartót,
da fè fadiga fina a caminè.
Imperatour d’un chent, Re da aeltri pèrti,
che, aenca s’e’ paroiva ch’u n’gni tnés,
l’andaeva fénd la roda cmè un pavoun.
Un bel mument, aenca s’u s’dois che i znin
j è sempra quei ch’j è j utmi a dè la mòla,
apena che l’ha vést che la friteda
la s’era ormai bruseda ad tót i chent,
l’ha mès e’ su cudin tra al su gambini
e l’è curs ví cumè una pala ad s-ciop.
Nun, ch’a sém rest a qua senza padroun,
apena che l’è arvat i vincitur,
a j avém dmand: “U j è, per ches, qualcdun
ch’e’ vója faes da Re, ch’a n’l’avém piò?”
Cridoiv ch’i s’epa arspost? Mo gnench pr’e’ cara!
Chi vloiv che fós che mat ch’l’avoiva voja
da mètsi ‘t un bgonz ‘d vespri cumè nun?!
E aloura avém cnú fè a l’Italiena:
ch’a sirmi e’ zent per zent repubblichen…
ch’ém fat, guasi per zugh, un referendum…
e che, un aent pò, ul voinz… la Munarchí!

7 – La Repubblica

Avevamo avuto un Re che era tanto piccolo,
come se non avessero finito di partorirlo,
ma pieno di medaglie dappertutto,
da far fatica perfino a camminare.
Imperatore da una parte, Re da altre,
che, anche se pareva non ci tenesse,
andava facendo la ruota come il pavone.
Un bel momento, anche se si dice che i piccoli
son sempre gli ultimi a mollare,
appena ha visto che la frittata
si era mai bruciata da ogni parte,
ha messo il suo codino tra le sue gambine
ed è scappato come una palla di schioppo.
Noi, che siam rimasti qua senza padrone,
appena sono arrivati i vincitori,
abbiam chiesto: “C’è , per caso, qualcuno
che voglia farci da Re che non l’abbiamo piú?”
Credete ci abbian risposto? Nemmeno per idea!
Chi volete che fosse quel matto ad aver voglia
di mettersi in un bigoncio di vespe come noi?!
E allora abbiam dovuto fare all’Italiana:
che eravamo il cento per cento repubblicani…
che abbiam fatto, quasi per gioco, un referendum…
e che per poco non l’ha vinto… la Monarchia!

8 – I Vincitur

J era tót quant insen, Americhen,
Inglois, Pulach, Indien e Canadois,
ch’j avoiva voint la guera countra ‘d nun
o mèj, ch’j avoiva spazè ví i Tedésch
che acsè j avoiva voint anche per nun.
A s’sirmi zcurd dal bombi ch’j eva bót,
a s’sirmi zcurd ad quel ch’i s’ha rubè
(a que, e’ maench, i n’gn’avrà fat la pata)
e a s’sirmi zcurd di murt ch’avimi avú,
parchè a putimi fè dal scazutèdi (!)
ch’i n’eva la pistola cmè i “Tugnin”
e aench’parchè sa tot la ciuculata
e tóti al zigarèti ch’i s’ha port,
a n’imi temp ‘d pansè a cal… sciuchezi (!).
I Róss, ch’j avoiva voint un po anchè lou,
ch’avimi fat s-ciuptèdi, pet a pet,
i n’s’eva mand e’ Corp d’Ocupazioun.
Tóti al su tróppi l’era i Cumunésta
che, per prumèssa fata ma Stalin,
j ha sempra spudè vlen s’j Americhen,
mo intènt ch’i j gioiva “purch e farabót!”
i s’feva dè da mès la ciuculata.

8 – I vincitori

Erano tutti quanti assieme, Americani,
Inglesi, Polacchi, Indiani e Canadesi,
che avevano vinto la guerra contro noi
o meglio, che avevano spazzato via i Tedeschi
che così avevano vinto anche per noi.
Ci eravamo scordati delle bombe sganciateci,
ci eravamo scordati di ciò che ci hanno rubato
(qui, almeno, non avran fatto la patta)
e ci eravamo scordati dei morti che avevamo avuto,
perché potevamo fare delle scazzottate (!)
che non avevano la pistola come i Tedeschi
e anche perché con tutta la cioccolata
e tutte le sigarette che ci han portato,
non avevamo tempo per… certe sciocchezze (!).
I russi, che avevano vinto un po’ anche loro,
che avevamo fatto schioppettate, petto a petto,
non ci avevano mandato il Corpo d’Occupazione.
Tutte le loro truppe erano i Comunisti
che, per promessa fatta a Stalin,
han sempre sputato veleno sugli Americani,
ma intanto che dicevano “porci e farabutti!”
si facevano dare di nascosto la cioccolata.

9 – La Custituzioun

S’una Custituzioun acsè ben fata,
che la spacheva un poil in quatri pachi,
cumè che l’era quèla ch’imi scrét,
avém alzè la cresta cmè i galétt.
A sirmi sempra stè di por capun
che, se i s’pretendoiva la galoina,
j avnóiva cuntantid drointa la pgnata,
s’un pò ‘d caroti, per e’ brud ‘d Nadèl (!).
Ades a s’stimi tót guardénd tla faza,
ch’a ‘n gni cridimi, guasi, mi nóst ócc’,
per tóti al robi scréti tla lavagna
che j era, pò, tót quant i nóst dirét.
Sota e’ Status de’ Re ch’avimi avú,
u j era sempra un Cap ch’e’ sfazandèva
e Pantaloun, puraz, quel ch’e’ pagheva!
Ades di Cap u i n’era per castigh,
ch’l’era finida per i dittatur
ch’i feva crepapénza snò per sè:
ades e’mloun il dividoiva a fètti!
Per Pantaloun j ha putú fè puchin…
mitéma oz ch’e’ sia un… “Pantalèt”…
ch’i n’pò truvèj la taja di calzun!

9 – La Costituzione

Con una Costituzione così ben fatta,
che spaccava un pelo in quattro parti,
com’era quella che avevamo scritto,
abbiamo alzato la cresta come i galletti.
Eravamo sempre stati dei poveri capponi
che, se si pretendevano la gallina,
venivano accontentati dentro la pignatta,
con qualche carota, per il brodo di Natale (!).
Adesso ci stavamo tutti guardando in faccia,
che non credevamo nemmeno ai nostri occhi,
per tutte le cose scritte sulla lavagna
che erano, poi, tutti quanti i nostri diritti.
Sotto lo Statuto del Re che avevamo avuto,
c’era sempre un Capo che sfaccendava
e Pantalone, poveraccio, quello che pagava!
Adesso dei Capi ce n’era un finimondo,
che era finita per i dittatori
che facevano crepapancia solo per sé:
adesso il melone lo dividevano a fette!
Per Pantalone han potuto far pochino…
mettiamo oggi che sia un… “Pantalètto”…
che non riescono a trovargli la taglia dei calzoni!

10 – I Guverni

E’ proim guverni u s’l’ha fat j Inglois,
miténdi drointa un pò, mo anche trop,
ch’j avoiva mis-cè chevli e cafelat.
Dop e’ partóid piò gros, ad magiurènza,
l’ha dét: “A faz tót me, tuliv d’e’ cara
e a vidrí s’a sarò bon ‘d durè!”
Mo ‘t sarè mat?! S’l’ha dét la verità?!
J è ancoura a là, pianted cumè un’arvura,
che l’è una gara dura a mandèi ví
e ch’j è acsè tachid ma la pultrouna,
che, s’i và ví, bisogna ch’i j lassa e’ cul.
Dop, di guverni, a i n’ém fat un scróll,
che s’i riveva in fond ‘d legislatura,
u j era da pensè ch’i s’fós sbajè.
J ha fat un finimond ad cuntursioun:
centri, sinéstra, dèstra, mez a mez,
cumè quand ch’u s’prepèra un ministroun,
ch’u s’mèt: fasul, verdura un pò durina
e un pò ‘d caroti, ch’al va ben sa tót.
I Cumunésta j era las ad fura,
perchè i vloiva acsè j Americhen,
sicom, però, che un pú j è andè la Mèssa,
j ha pluchè sempra qualche pusticin.

10 – I Governi

Il primo governo ce l’han fatto gli Inglesi,
mettendo dentro un po’ tutti i partiti,
che è andato avanti un po’, ma anche troppo,
che avevano mischiato cavoli e caffelatte.
Dopo il partito piú grosso, di maggioranza,
ha detto: “Faccio tutto io, toglietevi dai piedi
e vedrete se sarò capace di durare!”
Ma sarai matto?! Se ha detto la verità?!
Sono ancora là, piantati come una quercia,
che è una gara dura mandarli via
e che sono così attaccati alla poltrona,
che, se van via, bisogna che gli lascino il culo.
Dopo, dei governi ne abbiam fatti a iosa,
che, se arrivavano in fondo di legislatura,
c’era da pensare che si fossero sbagliati.
Han fatto un finimondo di contorsioni:
centro, sinistra, destra, metà e metà,
come quando si prepara un minestrone,
che si mette: fagioli, verdura un po’ durina
e un po’ di carote, che si adattano a tutto.
I Comunisti erano lasciati fuori,
perché volevano cosí gli Americani,
siccome, però, che qualcuno è andato a Messa,
han piluccato sempre qualche posticino.

11 – La guera giaza

A stimi caminénd s’un foil ‘d rasur,
ch’j avoiva fat dó blóch soura la tera:
Americhen e Róss cumè padrun
e nun tót quant da sota a tnòj burdoun.
I Cumunésta, a là s’a tóti al piazi,
ch’j urleva: “brót vigliac d’Americhen!”
è che i prigheva che l’arvés Stalin,
ch’u s’avés port un pez ad Oaradius
e ch’j ilt, che l’era pò i cunservadur,
ch’i gioiva: “s’u s’vin mènch j Americhen,
a sém in pina merda, fin’e’ col!”
I Prit, cumè de rest ch’j ha sempra fat,
j avnoiva sempra in nom de nost Signour
a dois ch’a sém fradél e da vlois ben…
da pardunè ma quel ch’u t’fà de mael…
però, s’a dimi e’ vòt mi Cumunésta,
ch’a n’fósmi gnenca andè a riclamè,
ch’l’era l’inferna, senza remissioun!
Parchè ch’la s’fós ciamè, pò, “guera giaza”,
ancoura, dop tènt temp, a n’l’èm capí,
che se t’butivi in aria un furminènt,
t’fivi scupiè la Tera cmè una bomba!

11 – La guerra fredda

Stavamo camminando su di un filo di rasoio,
che avevano fatto due blocchi sopra la terra:
Americani e Russi come padroni
e noi tutti quanti da sotto a tenere bordone.
I Comunisti, là su tutte le piazze,
che urlavano: “brutti vigliacchi d’Americani!”
e che pregavano che arrivasse Stalin,
che ci avesse portato un pezzo di Paradiso
e gli altri, che erano poi i conservatori:
“se ci vengono a mancare gli Americani,
siamo in piena cacca, fino al collo!”
I Preti, come del resto han sempre fatto,
venivano sempre in nome di nostro Signore
a dirci che siam fratelli e di volerci bene…
di perdonare colui che ti fà del male…
però, se davamo il voto ai Comunisti,
non fossimo andati nemmeno a reclamare,
che era inferno, senza remissione!
Perché si fosse chiamata, poi, “guerra fredda”,
ancora, dopo tanto tempo, non l’abbiam capito,
che se tiravi in aria un fiammifero,
facevi scoppiare la Terra come una bomba!

12- La guera chelda

Però u n’gn’era snò la guera giaza,
parchè i tramischeva tra tènt bombi,
ch’i n’feva òna nova tót i dè:
dal bombi che li feva strimulí,
che òna, snò d’un etto, s’na zità,
la n’t’feva ristè gnenca e’ calzinaz.
E intènt, per vend un pò dla mercanzí
ch’j avoiva mucè drointa i magazoin,
i t’feva scapè fura un pusticin
da fèj qualch an ad guera cumbatuda
e, countra chi, u n’ha cuntè mai gnent:
bastèva che sa un u i fós i Róss
che ad là l’era sicur j Americhen.
Mo non sla bomba atomica, però!,
che lí, generalment, l’avniva tnuda
cmè e’ chen ma la cadoina a fè paura,
ch’i n’era méga scemi pò da fat,
ch’u n’gn’è nè Chesa Bienca nè Cremloin
ch’i possa fè da umbrela quand ch’la chésca!
I feva, in fond, cumè ch’i dò ‘d Fenza
che e’ dè i feva al boti da scanès
e la nota j andeva a rubè insen.

12 – La guerra calda

Però non c’era solo la guerra fredda,
perché tramestavano tra tante bombe,
che ne facevano una nuova tutti i giorni:
delle bombe che facevano rabbrividire,
che una, solo di un etto, su di una città
non faceva restare nemmeno i calcinacci.
E intanto, per vendere un po’ della mercanzia
che avevano ammucchiato dentro i magazzini,
ti facevano uscir fuori un posticino
da fargli qualche anno di guerra combattuta
e contro chi non contava mai niente:
bastava che con uno ci fossero i Russi
che di là erano sicuramente gli Americani.
Ma non con la bomba atomica, però!,
che lei, generalmente, veniva tenuta
come il cane alla catena a fare paura,
che non erano mica scemi poi del tutto,
che non c’è né Casa Bianca né Cremlino
che possano fare da ombrello quando cade!
Facevano, in fondo, come quei due di Fenza
che il giorno facevano a botte da scannarsi
e la notte andavano a rubare assieme.

13 – J Americhen

A n’s’sirmi ancoura alzè da fat da tera
e a sirmi ancoura splid d’i calzinaz,
s’al cósti ch’al tacheva scapè fura,
magnénd un pò puchin e caghénd stil.
J Americhen u n’è ch’i n’si dés gnent,
che tót i fraz ch’u j era rest dla guera,
gur ‘d quei ch’a j ém rubè, i s’j ha vandú
e cherna cungelèda, porbia ad lat,
fasul in scatla e tènt nèvi tót i dè,
t’putivi stè sicur ch’i n’s’li nigheva:
ch’i s’vloiva fè mazè tóti al nost vachi,
parchè un turnèva count andèli a monz!
Mo pú! Che bloch d’aségn ch’i s’feva voida!
Ch’j avrí firmè, s’a fimi i bun burdél
(o mèi, s’a n’fimi voinz i cumunésta!).
J Americhen j è sempra stè cumpagn:
se i void che t’sí instizoid s’e’ Water Closs,
i t’mèt e’ pidriul zò ma la goula
(i su cliint, l’è mèj ch’i sia in forzi!).
Nun Italien (pò, in fond, a j ém squert nun),
a i cnussém ben e, s’a s’fém fè pataca,
l’è sottintois ch’ém dét: “Basta ch’u s’magna!!”

13 – Gli Americani

Non ci eravamo ancora alzati del tutto da terra
ed eravamo ancora sotto i calcinacci,
colle costole che iniziavano ad uscirci in fuori,
mangiando un po’ pochino e digerendo pochino…
Gli Americani non è che non ci dessero niente,
che tutte le ferraglie rimaste dalla guerra,
fuori di quelle che gli abbiam rubato, ce l’han vendute
e carne congelata, latte in polvere,
fagioli in scatola e tante leccornie,
che arrivavano su tante navi tutti i giorni,
potevi essere certo che non ce le negavano:
che ci volevano far ammazzare tutte le nostre mucche,
perchè non tornava conto andarle a mungere!
Ma poi! Quel blocco di assegni che ci facevano vedere!
Che avrebbero firmato, se facevamo i bravi ragazzi
(o meglio, se non facevamo vincere i comunisti!).
Gli Americani son sempre stati uguali:
se vedono che sei istizzito col Water Closs,
ti mettono l’imbuto giù per la gola
(i loro clienti, è meglio che siano in forze!).
Noi Italiani (poi, in fondo, li abbiam scoperti noi),
li conosciamo bene e se ci facciamo far fessi,
è sottinteso che abbiam detto: “Basta che si mangi!!”

14 – I Róss

I Róss ad mercanzí i s’n’ha dè poca,
che, pò, i’ n’avoiva mènca ch’a nè nun,
mo i s’eva las, però, un gran partoid,
che forsi i l’eva trop impivarè,
ch’a ne putimi tnói ma la cavèzza.
Mi Róss èm cnú paghè i dan ad guera,
però a s’sém mès d’acord t’un bater d’oc’,
ch’j ha vlú al nost naevi, ch’a n’ s’ni fimi gnent,
che tanimodi nun, naevi o non naevi,
a n’ém mai fat paura ma nissun!
D’i Róss avém savú che un dè Lenin
l’ha fat piazza pulida ad tót i sgnur
e, quand che l’è mort lu, l’è arvat Stalin
ch’la fat dal gran cadassi si… purét
(s’l’è vèra che i sgnur i n’gn’era piò!).
A què i “Cumpagn” i s’gioiva, da cunvoint,
che quei ch’muroiva l’era i sfrutadur
e aloura ém sempr’ avú un gran pipacul
snò a pansè ch’i fós arvat da nun!
Se a ristimi vóiv, l’era per sbaj!!
Da un pò, però, ém mès e’ cor in paesa,
che i Róss, génd ch’j ha sbaié, j ha smanè tót
e i “nóst”, passend avènti mi padrun,
j eva zà sploi tót quant sota un’arvura.

14 – I Russi

I Russi, di mercanzia ce n’han data poca,
che, poi, ne avevano meno di noi,
ma ci avevano lasciato, però, un gran partito,
che forse l’avevano troppo impeperato,
che non riuscivamo a trattenere alla cavezza.
Ai Russi abbiam dovuto pagare i danni di guerra,
ma ci siam messi d’accordo in un batter d’occhio,
han voluto le nostre navi, non ce ne facevamo nulla,
che in ogni modo noi, navi o non navi,
non abbiamo mai fatto paura a qualcuno!
Dei Russi abbiamo saputo che un giorno Lenin
ha fatto piazza pulita dei ricchi
e, quando è morto lui, è arrivato Stalin
che ha fatto grandi cataste coi… poveri
(se è vero che i ricchi non c’erano più!).
Qui i “Compagni” ci dicevano, convinti,
che quelli che morivano erano gli sfruttatori
e allora abbiamo sempre avuto una gran fifa
solo al pensare che fossero arrivati da noi!
Se rimanevamo vivi, era per sbaglio!!
Da un po’, però, abbiam messo il cuore in pace,
che i Russi, dicendo di aver sbagliato, han chiuso tutto
e i “nostri”, passando avanti ai padroni,
avevano già seppellito tutto sotto una quercia.

15 – J Italien

Da què l’è pas un pò tót j invasur,
che l’è fadiga fin’ arcurdèi tót,
che j è stè un pò, ch’i s’ha prilè d’atonda
e pú j è arturni tót ma chesa su.
Aenca j Americhen j ha vlu andè ví,
mo lou, sal rèmpi ch’i s’ha las, j è aquè,
cmè i Pépa, ch’i s’ha las tót i su Prit,
per dois ch’i s’sint, perfina s’arfiadém
e ch’a n’s’mitéma in testa al patachedi!
Nun italien ém sempra sbatú al mèni
ma tót quei ch’i sunèva ma la porta,
però a i sbatimi al mèni ancoura ad piò
e’ dè ch’i s’decidoiva ad tos de cara,
precis de pèss, che dop tré dè e’ pòzza!
T’un gran pastoun ad robi ch’l’era pas,
nun Italien a n’ém putú capoi
se l’era vèra ch’imi pers la guera
o s’imi voint, cumè ch’u s’dóis ancoura.
I s’ha urlè ch’a n’sarém mai d’j eroi
e nun, ch’avém tachè ‘sta filastroca
acsè per ròid, a vlém arspond da serii:
Avói rasoun! Mo s’a s’avní me cul!!

15 – Gli Italiani

Da qui son passati un po’ tutti gli invasori,
che è fatica fino ricordarli tutti,
che sono stati un po’, han piroettato attorno
poi son tornati tutti a casa loro.
Anche gli Americani han voluto andar via,
ma loro, con le rampe lasciateci,
son qui, come i Papi, che ci han lasciato i loro Preti,
per dirci che ci sentono perfino a fiatare
e che non ci mettiamo in testa le stupidate!
Noi Italiani abbiam sempre battuto le mani
a tutti quelli che suonavano alla porta,
però battevamo le mani ancora di più
il giorno che decidevano di togliersi dai piedi,
come il pesce, che dopo tre giorni puzza!
In un gran pastone di cose passate,
noi Italiani non abbiam mai potuto capire
se era vero che avevamo perso la guerra
o se avavamo vinto, come si dice ancora.
Ci hanno urlato che non saremo mai degli eroi
e noi, che avevamo iniziato questa filastrocca
cosí per ridere, vogliamo rispondere da seri:
Avete ragione! Ma se ci venite attorno al culo!!

16 – La cambiela I

Basteva t’avés vú e’ tre per méla,
pr’andè te spazi a cumprè al cambièli,
che t’ivi zà tachè la custruzioun.
Se, un ches, pò, t’avés vú i contanti,
aloura, garantòid che al fundazioun
t’li fivi s’i baócch d’na zigarèta.
U s’era ardót un batibój tal bènchi,
che asségn e’ trati i feva dal sgainlèdi
cumè un por burdlin, drointa la cólla,
ch’l’è pas da qualche oura e’ temp dla tèta.
E nun, intaent, a fimi i… rozlamerda,
zarchénd ad rimidiè cla palutina
che, mèj ad gnent, un bus la ‘l ciutureva.
Per tót la fassa longa dla maroina
u j era snò di mócc’ ad calzinaz
e busi fondi, ch’j era d’j aquastròin,
una gran pacia per migliun d’ranòci,
frót ad cal bombi ad chi strusciun d’Inglóis
ch’i l’j eva bóti zò cmè al brustulini.
Émm cius cal busi e avém trat sò palaz
e snò e’ Signour e’ sà duvè ch’a fnémm,
s’u s’fà paghè per tóti al nost biastòimi!

16 – La cambiale I

Bastava tu avessi avuto il tre per mille,
per andare allo spaccio a comprare le cambiali,
che avevi già iniziato la costruzione.
Se, un caso, poi, tu avessi avuto i contanti,
allora, garantito che le fondazioni
le facevi con i soldi d’una sigaretta.
Si era generato un subbuglio nelle banche,
che assegni e tratte facevano degli strilli
come un povero neonato, dentro la culla,
che aspetta da qualche ora la terra.
E noi, intanto, facevamo gli… scarabei,
cercando di ammucchiare quella pallottina
che, meglio di niente, un buco lo suturava.
Per tutta la fascia lungo la marina
c’erano soltanto mucchi di calcinacci
e buche profonde, che erano aquitrini,
una gran pacchia per milioni di rane,
frutto di quelle bombe di quegli spreconi Inglesi
che le avevano sganciate come bruscoline.
Abbiamo chiuso quelle buche tirando su palazzi
e solo nostro Signore sà dove finiremo,
se ci farà pagare per tutte le nostre bestemmie!

17 – La cambiela II

A n’imi gnenca e’ temp ‘d putòi stè mael,
parchè: ch’i li pagheva, pò, al cambièli?
Infati e’ nost Ba che, a mezdè,
e’ fèva ristè a taevla l'”Uficiel”,
ch’l’avnóiva arcurdèi toti al scadenzi,
apena ch’avém ciap al roidi nun,
e u n’ha vú piò davènti e’ scadenzèri,
l’ha tach a ciapè tènt ad chi tumut
da purtèl ví da sèch, t’un bater d’oc’,
che in piò d’nuvèntun an u n’eva avú
gnenca un fridour ch’u l’avés fat biastmè!
Ades, ch’a sém dasdòi se scaranoun,
e senza piò la bènca ch’la prutesta,
davènti ch’i palaz ch’avém trat sò,
u s’passa un bel pruget drointa e’ zarvel:
da fè in ogni piaza un  monument
m’un Om che l’èlza in aelt un braz in zil,
si su musclaz piò gróss ad quei ‘d Sansoun
(ch’i j è vnú fura a forza ad sbadilè),
ch’e’ zirca da fè voida me Signour
una cambiela, un pò per ringraziè,
un pò perchè ch’u n’s’manda dlaelt tl’inferni!

17 – La cambiale II

Non avevamo tempo di poterci ammalare,
perché: chi le pagava, poi, le cambiali?
Infatti nostro babbo che, a mezzogiorno,
faceva restare a tavola l’Ufficiale Giudiziario,
che veniva a ricordargli tutte le scadenze,
appena abbiamo preso le redini noi
e non ha avuto più davanti lo scadenzario,
ha iniziato a prendersi tanti di quei tumori
da andarsene di colpo, in un batter d’occhio,
lui che in più di novantun anni non aveva avuto
nemmeno un raffreddore da farlo bestemmiare!
Adesso, che siamo seduti sul seggiolone,
e senza più la banca che protesta,
davanti a quei palazzi che abbiamo eretto,
ci passa un bel progetto dentro il cervello:
di fare in ogni piazza un monumento
ad un Uomo che alza un braccio verso il cielo,
coi suoi muscolacci più grossi di quelli di Sansone
(che gli son venuti a furia di sbadilare),
che cerca di far vedere a nostro Signore
una cambiale, un po’ per ringraziare,
un po’ perché non voglia rimandarci nell’Inferno!

18 – J albergh I

A què una volta u j era l’insalèda
e d’j urt s’una vardura strepitousa,
che u s dóis che soura al fèldi de Marècia,
tót quel ch’nassoiva l’era medizoina!
(ades chi quatri òrt ch’l’è rest datonda,
j è lavured da un… palumbèr in tuta
che, s’u s’ingoula un squéz ad quèl ch’e’… squéza,
e’ mor piò prest cnè dès una sciuptèda!).
Oz u s’pò dói che ogni ort ch’avimi
l’è dvent la piatafourma d’un albergh.
J avoiva fat, ‘na volta, un capanot
per fè e’ post mal sapi e mi rastéll,
pú, dop, un gabinot da chent,
per mètii al biciclèti e i baruzoin,
ancoura dop un vaen in muradura,
per tnói ben querta e lóstra la “sizènt”
Pien, pien, qualche pilastri s’un pò ‘d fer,
quatri pultreli, o mèj, rudai vèci…
maróid in aelt e moj ma la zirèla,
ch’i feva, a ouri persi, un pez ad mur…
Qualcdun ad quéi, ades, l’ha quatri steli
e l’è un albergh che, a voidli, e’ fà mél voji!

18 – Gli alberghi I

Qui una volta c’era l’insalata
e degli orti con una verdura strepitosa,
che si dice che sulle falde del Marecchia,
tutto ciò che nasceva era medicina!
(adesso quei quattro orti rimasti attorno,
sono lavorati da un… palombaro in tuta
che, se ingoia uno schizzo di ciò che… schizza,
muore prima ancora che darsi una schioppettata!).
Oggi si può dire che ogni orto che avevamo
è diventata la piattaforma d’un albergo.
Avevano fatto, un tempo, un capannotto
per fare posto a zappe e rastrelli,
poi, dopo, un gabinotto da parte,
per ricoverare biciclette e biroccini,
ancora dopo un vano in muratura,
per tener ben coperta e lucida la “seicento”…
Pian, piano, qualche pilastro con un po’ di ferro,
quattro putrelle, o meglio, rotaie vecchie…
marito in alto e la moglie all’argano e fune,
che facevano, ad ore perse, un pezzo di muro…
Qualcuno di quelli, adesso, ha quattro stelle
ed è un albergo che, a vederlo, fà mille voglie!

19 – J albergh II

Andém da spèss, per voida s’arcnusém
quel ch’avém fat insen, tènt ad indrí.
I mur j è quéi. L’intonach i l’ha arfat,
cmè i pavimint, ch’u s’sguéla snò guardèi…
Un qualche vèc’, dasdòi s’una pultrouna,
ch’l’ourdna ch’i s’daga è solit bicir ‘d voin,
cumè quand ch’e’ zireva se buchel:
“… l’è oura ad dè da bòi ma j uperai!”…
Zert fiul che j era, aloura, un pò grandin
e i s’arcurdèva ancoura de “Capmèstri”,
i t’fà l’avduda, pú i dmanda scusa,
ch’j ha tènt da fè e… via sla Toyota.
E d’ijlt, ch’i ne sà gnenca chi ch’a sém,
e paer ch’i déga: “mo tulóiv de cara!”
che e’ su ba u n’gn’avrà mai racount
ad quand che l’ariveva sla cambièla
ch’a l’arnuvimi carga d’j interés,
che ad baócch spèch u n’eva gnench la stèmpa!
Avém incountri un Diretour ad Bènca
ch’l’è ‘ndè in pensioun. Tót quel ch’avém arcord,
a vrésmi ch’u l’avés sintói qualcdun
ad chi sburun caval d’na Cadilach!

19 – Gli alberghi II

Andiamo spesso, per vedere se riconosciamo
quello che abbiamo fatto, tanto tempo addietro.
I muri son quelli. L’intonaco l’han rifatto,
come i pavimenti, che si scivola solo a guardarli…
Un qualche vecchio, seduto su di una poltrona,
che ordina che ci diano il solito bicchiere di vino,
come quando girava con il boccale:
“… è ora di dare da bere agli operai!”…
Certi figli che erano, allora, un po’ grandini
e si ricordavano ancora del “Capomastro”,
ti facevano festa, poi domandavano scusa,
che han tanto da fare e… via con la Toyota.
E altri, che non sanno nemmeno chi  noi siamo,
sembrano mugugnare: “ma levatevi di torno!”
che suo padre non gli avrà mai raccontato
di quando arrivava con la cambiale
che la rinnovavamo carica d’interessi,
che di soldi contanti non aveva nemmeno lo stampo!
Abbiamo incontrato un Direttore di Banca
che è andato in pensione. Ciò che abbiam ricordato
vorremmo l’avesse sentito qualcuno
di quegli sbruffoni a cavallo d’una Cadillac!

20 – E’ boom

Nun Italien, che per zantnèri d’an
avimi port in zir al nost ligazi
e al nost valóisi ròti per e’ mond,
e avimi ciapè tént ‘d chi chelz te cul,
da fèl dvantè piò ròs ad quel d’na scémmia,
ch’avimi drov al j óngi, cumè i gat,
per rapè sò mal pienti per cór ví,
ch’i s’deva sempra al cazi cmè di chen,
avém taché a voida, e sempra ad piò,
tènt fazi ad furistir a sfurgatè
tra ‘l nost mundèzi, in zirca d’un pez ‘d pèn,
ritrat precis ad nóst bisnón e nón
che, cumè quej, j ha traversè i mér,
muntagni gózzi e aquastroin puzlent,
per ch’e’ truchlin ch’j ha port mi su burdéll.
A s’sém dè ad pézgh tènt volti, per pruvè
s’a simi svég’ o, invici, s’insugnimi,
ma ormai i l’steva urlénd da tót i chent
che a què in Italia u j era un… “Boom” che mai,
mo nun, ch’ém sempra ciamè “bum!” la bòta,
ém sempra avú paura cla scupiéss
cla pala tropa gonfia tót da sècch!

20 – Il boom

Noi Italiani, che per centinaia d’anni
avevamo portato in giro i nostri fardelli
e le nostre valigie rotte per il mondo,
e avevamo preso tanti calci nel sedere,
da farlo diventare più rosso di quello d’una scimmia,
che avevamo dovuto usare le unghie, come i gatti,
per arrampicarci sulle piante per sfuggire,
che ci davano sempre la caccia come dei cani,
abbiamo incominciato a vedere, e sempre di più,
tante facce di forestieri annaspare
tra le nostre immondizie, in cerca d’un pezzo di pane,
ritratto preciso di nostri bisnonni e nonni
che, come quelli, han traversato mari,
montagne aguzze e aquitrini puzzolenti,
per quel tozzo che han portato ai loro bambini.
Ci siamo pizzicati tante volte, per provare
se eravamo svegli o se sognavamo,
ma ormai lo stavano urlando da tutte le parti
che quí in Italia c’era un… “Boom” eccezionale,
ma noi, che abbiamo chiamato “bum!” la bòtta,
abbiamo sempre temuto che scoppiasse
quella palla stragonfia troppo in fretta!

21 – Chi ch’u j era

S’andé dmandè zirun chi è ch’l’è stè
a fè st’Itaglia granda (?!?) ch’l’è stè fat,
a v truvarí qualcdun ch’e’ gonfia e’ pet,
mo a v truvarí qualcdun ch’u v dmandarà
se vó, per ches, a i sòi zà stè ti mat!
I próim j è quéj che j era in proima foila
e che j urleva sèmpra “bravo!”, “bravo!”
ma quéj ch’cmandèva (ch’j era sempra quéj),
i sgónd j è quéj ch’j urleva sempra “pèsta!”
aenca s’e’ fóss stè fat qualcosa ad bon.
I proim i s’impaceva a s’cal vidroini
cumè per dói: “u i n’è da buté ví!!”,
i sgónd ch’i gioiva sempra: “u s mor ad faema!!”
Cumè la scémmia, sempra dizpitousa,
guai (!) un ch’e’ géss che claelt l’eva rasoun,
aenca se, pò, j andeva a lavurae,
che s’l’è stè fat da i Sent só in Paradois,
gioi quel ch’u v paer, mo i l’avrà fat insen.
A simi tòt di chen, bun e pataca
mo che se j ha un Partóid ch’u i daga sò,
i t vò fae voida i dint, basta ch’i j ózza!

21 – Chi c’era

Se andate a chiedere in giro chi è stato
a fare quest’italia grande (?!?) che è stata fatta,
vi troverete qualcuno che gonfia il petto,
ma vi troverete qualcuno che vi chiederà
se voi, per caso, ci siete già stati nei matti!
I primi son quelli che erano in prima fila
a urlare sempre “bravo!”, “bravo!”
a quelli che comandavano (che erano sempre quelli),
i secondi son quelli che urlavano sempre “peste!”
anche se fosse stato fatto qualcosa di buono.
I primi gongolavano davanti alle vetrine
come per dire: “ce n’è da buttare!”,
i secondi che dicevano sempre: “si muore di fame!”
Come la scimmia, sempre dispettosa,
guai (!) che uno dicesse che l’altro aveva ragione,
anche se, poi, andavano a lavorare,
che se è stato fatto i Santi sú in Paradiso,
dite ciò che vi pare, ma l’avranno fatto assieme.
Eravamo tutti cani buoni e minchioni
ma che se hanno un Partito che gli dia nelle coste,
vogliono far vedere i denti, basta aizzarli!

22 – I vécc

Pruvé a dói m’un vèc’ ch’e’ vaga ví,
che l’ha finí tot quanti al su mansioun…
che l’ha da dae e’ post mal forzi novi!
Se l’è un ‘d quéi ch’j ha sempra lavurae,
che e’… gomit ui duloiva ben da raed,
u v’ni girà una sfòilza ad cal rubazi,
ch’u v’tucarà cór ví cmè un chen livrir.
“A sém stè nun ch’ém fat l’Itaglia nova!”
– u v’urlarà intaent ch’a curòi ví –
e zò una fóila longa d’azidint
vers quéi che da un pò ‘d temp i l’ha s’i vécc’…
ch’i vria dae e’ fae mi sbarbatél
ancoura se ciucioun tached me col…
che… “s’e’ vin maench la gran maturità,
e’ mond e’ finirà t’un mócc ad zendra!”…
Nun Itaglien a sém sempra stae acsè:
s’i s’ourdna ad fae qualcosa a s’incazém
cumè per dói, per ches, ch’a sém finòid,
aloura ai dém in mostra al nosti… spali,
salvo i parécc’, ch’i n’ha mai fat un cara,
ch’i v’girà “grazie!”: J era sempra stach!!

22 – I vecchi

Provare a dire ad un vecchio che vada via,
che ha finito tutte le sue mansioni…
che deve dare il posto alle forze nuove!
Se è uno di quelli che ha sempre lavorato,
che il… gomito gli doleva ben di rado,
ve ne dirà una sfilza di quelle robacce,
che vi toccherà correr via come un cane levriero.
“Siamo stati noi che abbiam fatto l’Italia nuova!”
– vi urlerà intanto che correte via –
e giú una lunga sfilza d’accidenti
verso quelli che da un po’ di tempo ce l’han coi vecchi,
che vorrebbero dare il fare a sbarbatelli
ancora con il ciucco attaccato al collo…
che… “se viene a mancare la gran maturità,
il mondo finirà in un cumulo di cenere!”…
Noi italiani siam sempre stati cosí:
se ci ordinano di fare qualcosa ci incapelliamo
come per dire “perché venite solo da me?”,
ma se ci venfono a dire, per caso, che siamo finiti,
allora gli diamo in mostra le nostre… spalle,
salvo i parecchi, che non hanno mai fatto un tubo,
che vi diranno “grazie!”: Erano sempre stanchi!!

23 – I zóvni

J avóiva apéna smèss da tò e’ ciucioun
ad lat in polvra e tót cal purcarí
(i pétt dal doni i s’steva smuscénd tót),
ch’j ha tach a dóis dal fati parulazi,
che sa l’fós stè t’un qualch vucabulèri,
e’ su autour l’avrí vargogna ancoura (!).
I feva al j assemblei zà tl’asóil
e i sciuperaeva quand che la surina
l’a n’imbutóiva ben i su panoin,
pú quand ch’j è andé a la só tal scoli aelti,
al j assemblei al j era… cólp ad Stèt
che l’era… “tót d’arfè ad stl’Itaglièta!”
Se ènca dal rizéti i n’deva pochi,
i gioiva: “Zét e mosca vuiilt vécc’,
che se e’ mond u n’s’fós puzè mi zóvni,
te cours d’i secul, per e’ temp ch’l’è pas,
a sarésmi ancoura a là, tl’età dla pietra
a campè d’erba cmè di pulastroin!”
Avimi taché a dèi di scapazun,
ch’a n’vlimi ch’i spudés drointa te piat,
mo u s’è avnú in ment che anchè e’ nost por ba
u s’è sfilé la zéngia e.. anchè da spèss!

23 – I giovani

Avevano appena smesso di prendere il ciuccio
con latte in polvere e tante porcherie
(i petti delle donne stavano ammosciandosi tutti),
che hanno iniziato a dirci certe parolacce,
che se fossero state in un qualche vocabolario,
il suo autore avrebbe vergogna ancora (!).
Facevano le assemblee già nell’asilo
e scioperavano quando la suorina
non imbottiva per bene i loro panini,
poi quando sono andati sú nelle scuole alte,
le assemblee erano… colpi di Stato
che era… “tutto da rifare in questa Italietta!”
Se anche di ricette ce ne davano poche,
dicevano: “Zitti e mosca voi vecchi,
che se il mondo non si fosse appoggiato sui giovani,
nel corso dei secoli, per il tempo trascorso,
saremmo ancora là, nell’età della pietra
a vivere d’erba come dei pollastrini!”
Avevamo iniziato a dare degli scapaccioni,
che non volevamo soutassero dentro il piatto,
ma c’è venuto in mente che anche il nostro povero padre
s’è sfilato la cinghia e… anche spesso!

24 – I pulétich

S’ta t’permitivi ad dói che di Partóid
ta n’vlivi interesaet, i t’infamèva!
Che… “bsogna t’guaerda ben mi tu interéss
e snò e’ tu Partóid u te pò fè!”…
cumè i Prit ch’i gioiva: “snò tla Cisa
ta t’pú truvae tal brazi de Signour!”…
aenca se te t’putivi garantói
che ad chesa t’a t’sgranivi zent curouni.
A ne savém precis, ad tót cla zenta
cla gioiva sempra e’ su “Sè, sè!”, “Sè, sè!”,
chi ch’l’era ch’e’ mantnóiva la prumèssa
o e’ feva “maramao!” di drí dal spali.
Ad qualchedun, ch’l’avoiva tla bascoza
tre, quatri tesseri o anchè ad piò,
u n’gn’era bsogn ch’i s’avés fat la spéa,
che in paréc, per dói “ma e n sò un pataca!”
i t’li mitoiva in mostra sòta e’ naes.
E chi Partóid cum fevi, pò, a campè?
S’i baiuchin dal tesseri, a s-ciupae,
j avrí paghé snò l’om dal pulizí:
tót chi miglierd ch’j ha spois tal j elezioun?
Che sia chésch la… mana, dlaelt, d’e’ zil??

24 – I politici

Se ti permettevi di dire che dei Partiti
non volevi interessarti, ti infamavano!
Che… “bisogna che tu guardi bene i tuoi interessi
e solo il tuo Partito te lo può fare!”…
come i Preti che dicevano: “solo dentro la Chiesa
ti puoi trovare nelle braccia del Signore!”…
anche se tu potevi garantire
che in casa sgranavi da solo cento rosari.
Non sappiamo preciso, di tutta quella gente
che diceva sempre il suo “Sí, sí!”, “Sí, sí!”,
chi era che manteneva la promessa
o faceva “maramao!” dietro alle spalle.
Di qualcuno, che aveva nelle tasche
tre, quattro tessere o anche piú,
non c’era bisogno che ci avessero fatto la spia,
che in parecchi, per dire “io non sono un fesso!”
te le mettevano in mostra sotto il naso.
E quei Partiti come facevano, poi, a vivere?
Con gli spiccioli delle tessere, a crepare,
avrebbero pagato solo l’uomo delle pulizie:
tutti quei miliardi spesi nelle elezioni?
Che sia caduta la… manna, ancora, dal cielo??

25 – I strusciun

Cus ch’la giria mai la nosta nona,
che la vandoiva al smenti tl’ustarí,
che la campaeva ‘s chi dó fraench e’ dè,
che s’e’ nost non “Cavéj”, sempra cuntent
d’na rènga sla gradela e un bicir ‘d voin,
la soira i balaeva la furlaena,
se la s’vidés ti nóst Supermaché
si carél zépp ad tót cal luvarí?!
Cus ch’la giria mai la nosta nona,
che s’ui ristaeva un pez ad bacalè,
l’era la màna per giamoin ‘d pataedi,
se la s’vidés ad tót chi Risturent
a buté ví di piat pin ad bistèchi,
che lí la li cupraeva snò a Nadael,
che sa tót quèli l’avrí magné un mois?!
Mo cus ch’la girí mai la nosta nona,
a voida tót stla gioventò zcuntenta
che la n’róid mai, gnenca sta i fè i sanguétli?!
La avrí det sicur”Mo brót strusciun!
S’avésvi da raspae pr’un pez ad paen,
dop voil magné a farésvi una cantaeda!”
e u n’è ch’l’epa studié filosofí.

25 – Gli spreconi

Cosa direbbe mai nostra nonna,
che vendeva le bruscoline in osteria,
che viveva con quei due franchi al giorno,
che col nostro nonno “Cavéj”, sempre contento
di un’arringa sulla graticola ed un bicchiere di vino,
la sera ballavano la forlana,
se ci vedesse nei nostri Supermercati
con i carrelli seppi di tutte quelle leccornie?!
Cosa direbbe mai nostra nonna,
che quando restava un pezzo di baccalà,
era la manna per tegami di patate,
se ci vedesse in tutti quei Ristoranti
a gettare piatti di bistecche,
che lei le comperava solo a Natale,
che con quelle avrebbe mangiato per un mese?!
Ma cosa direbbe mai nostra nonna,
a vedere tutta questa gioventú scontenta
che non ride mai, nemmeno a farle il solletico?!
Avrebbe detto sicuro: “Ma brutti spreconi
Se doveste raspare con le unghie per un tozzo di pane,
dopo averlo mangiato fareste una cantata!”
e non è che abbia studiato filosofia.

26- I guvernint I

A n’imi cnusú aelt che e’ nost Re
che, guai (!) s’ta ne ciamivi “Maestà”,
e’ Cap Guverni, ch’a l ciamimi “Duce”
perché, dois, ch’e’ capoiva piò di tót,
e i Gerachet, Gerarchi e Gerarcun
che, aenca s’a n’savimi se i capóiva,
imi da fae snì quel ch’i gioiva e… zétt!!
Dop ch’a sém dvent tót quant Repubblichen,
ogni set an fém e’ President
ch’u n’vò gnenca ch’il cema “Eccelenza”
(un temp all’j “Eccelenzi” a li strusciimi!),
mo un passa an ch’a n’féma al j elezioun
per fae un scatafés ad Deputed
e Senatur che j ha da fae e’ Guverni.
Proima, ma quei ch’i s’feva da per lou,
a n’s’arisghimi ad dòij una parola,
ades ma quest, ch’a j avém mand sò nun,
a i gém un finimond ad purcarí
che lou i resta un pò mo in pò tnói bota
e al j elezioun, aloura, al và pri fóss,
ch’avém al brazi s-centi per vutae,
mo un ragn da un bus, a l’avém mai cavae?

26 – I governanti I

Non avevamo conosciuto altro che il nostro Re
che, guai (!) a non chiamarlo “Maestà”,
il Capo GOverno, che lo chiamavamo “Duce”
perché, si diceva, capisse più di tutti,
e i Gerarchetti, Gerarchi e Gerarconi
che, anche se non sapevamo se capivano qualcosa,
dovevamo fare solo ciò che ci dicevano e… zitti!!!
Dopo essere diventati tutti quanti Republicani,
ogni sette anni facciamo il Presidente
che non vuole che lo chiamino nemmeno “Eccellenza”
( un tempo le “Eccellenze” le sperperavamo!),
ma non passa anno che non facciamo le elezioni
per fare un catafascio di Deputati
e Senatori che debbono fare il Governo.
Un tempo, a quelli che si erano autoeletti,
non azzardavamo dire nemmeno una parola,
adesso a questi, che avevamo eletto noi,
diciamo delle fatte porcherie
che loro restano un po’ ma non possono durare
e le elezioni, allora, vanno per i fossi,
che abbiamo le braccia schiantate per votare,
ma un ragno da un buco, l’abbiamo mai levato?

27 – I guvernint II

J avoiva taché a fae i Guverni
che j era una vintoina, sò per zò,
fra i Minéstri, “con” o “senza” portafoj
e qualch Sottsegretaeri per rinchelz.
Un bel mument i s’era ardót in tént
ch’i n’eva piò al scarani per puzaes,
che i Partóid i sfurgataeva sempra
e i vloiva sempra una fitina ad piò:
la magiuraenza che la s’lamantaeva
che l’era chevsa ad tót l’uppuzizioun,
la minuraenza che la feva al lózzli
vers tót cla longa foila d’incusciint
ch’i n’vloiva dae la mòla mai me cmand.
Ognun ad nun l’avoiva la su idea
(che l’era, in fond, la vousa de Partóid)
mo ad nun pataca i s’n’infutoiva tót
cumè ch’suzed per chi tifus ‘d paloun
ch’i fà al curtlaedi per i sú… “culur” (!)
(ch’l’è e’ modi giòst per impinoi I Stadii),
e i cap dal sucetà i róid ch’i s’spaca!
Lou qualche volta i gol i si fà voida:
un guvernaent, s’e’ toira, e’ fà autogol!!

27 – I governanti II

Avevano iniziato a fare i Governi
che erano una ventina, su per giù,
fra Ministri, “con” o “senza” portafoglio
e qualche sottosegretario di rincalzo.
Un bel momento si erano ammucchiati in tanti
che non avevano più sedie per sedersi,
che i Partiti annaspavano sempre
e volevano sempre una fettina in piú:
la maggioranza che si lamentava
che causa di tutto era l’opposizione,
la minoranza che faceva scintille
verso tutta la lunga fila d’incoscienti
che non volevano mai mollare il comando.
Ognuno di noi aveva la sua idea
(che era, in fondo, la voce del Partito)
ma di noi poveri fessi se ne fregavano di tutti
come succede per quei tifosi di calcio
che fanno a coltellate per i loro… “colori” (!)
(ch’è il modo giusto per riempire gli Stadi),
e i capi delle società ridono a crepapelle!
Loro qualche volta i gol ce li fanno vedere:
un governante, se tira, fà autogol!!

28 – I bdócc’ arfat

Tra e’ gran casoin ch’u j era ad tót i chent,
avimi artachè tót andè ‘d travers
che u j era quei ch’i s’gioiva “avnói ad quà!”
e quei ch’i s’gioiva, invici, d’andè ‘d là,
che u s paroiva ch’i vlés fael aposta
per raspae mèj trameza la mundèza.
J è ned acsè, cumè tra cavél spurch
tla testa d’un burdel sempra luzous,
tót quant i bdócc’ arfat ch’u j è zirun
ch’i pò testimugne che tènt richèzzi
dal volti al j è anchè naedi tra la caca.
I feva al gari a quel ch’mitoiva in mostra
e’ machinoun piò gros ch’e’ fós scap fura
e me vulaent i feva i galarun
ch’i t’feva péna e pú s-ciupae da roid.
I chen, generalment j ha e’ pitigrí,
i gat t’ai cnos s’j è ad raza o s’j è bastérd,
mo i bdócc’ arfat a si sém truv tra i pí
ch’j avoiva snò cla speci ad che scaifégn
ch’la ha tót quant la fróta ch’la n’ha vú
e’ modi ad maturè pianin, pianin,
sfidénd al j interperii, ma la pienta.

28 – I pidocchi rifatti

Tra il gran casino che c’era da tutte le parti,
avevamo ricominciato tutti ad andare di traverso
che c’erano quelli che ci dicevano “venite in quà!”
e quelli che ci dicevano, invece, di andare in là,
che ci pareva lo volessero fare apposta
per razzolare meglio in mezzo alle mondezze.
Sono nati cosí, come tra capelli sporchi
nella testa di un bambino sempre lozzoso,
tutti quanti i pidocchi rifatti che sono in giro
che stanno a testimoniare che tante ricchezze
a volte sono anche nate tra la cacca.
Facevano a gara a chi metteva in mostra
il macchinone più grosso che fosse uscito
e al volante facevano i galleroni
che ti facevano pena e poi scoppiare dal ridere.
I cani, generalmente hanno il pedigree,
i gatti li conosci se son di razza oppure bastardi,
ma i pidocchi rifatti ce li siam trovati tra i piedi
che avevano solo quella specie di tanfo
che ha tutta quanta la frutta che non ha avuto
la possibilità di maturare piano, piano,
sfidando le intemperie, alla pianta.

29 – Scalogna e furtuna

Mo nú pansè ch’i sí snò bdócc’ arfat
quei ch’j è rivat un pò piò in aelt ad tót,
che, cum ch’e’ gioiva sempra e’ bon Ghiroun,
“… zartun j ha fat un cul cmè un’oura ad nota!”
L’è zert ch’u j era quéi che, s’i s’mitoiva
a fae i capéll, u n gn’era gnent da fae,
la zenta la nasoiva senza testa;
cumè ch’u j era tént che, s’i piantaeva
un baiuchin sota una zópa ad tera,
j andeva a còi un zèst ad maranghin;
e quéi ch’ i s’la danaeva a testa bassa,
ch’j andeva sempra avènti a zampigun,
un pò sla vósca, un pò cumè al lumeghi
fra lóm e scur e ch’j era maguirénza.
Fra tót u i n’é ch’j è arvat a la sò in zima
e u s’dois ch’i l’epa fat snò sal su gambi
e ch’i n’ha drov la lèza de leoun
ch’u s magna tót quel ch’trova sla su straeda;
u i n’è paréc’ ch’i fà la gambarela,
u j è brev curidur che j a al stampeli,
e pú la magiuraenza te cantoun
cuntenta snò ad campae mèj ch’la putoiva.

29 – Scalogna e fortuna

Ma non pensate che siano solo pidocchi rifatti
quelli arrivati più in alto di tutti,
perché, come diceva sempre il buon Ghirone,
“… certi han fatto un culo come un’ora di notte!”…
È certo che c’erano quelli che, se si mettevano
a fare i cappelli, non c’era niente da fare,
la gente nasceva senza testa;
come ce n’erano tanti che, se piantavano
un soldino sotto una zolla di terra,
andavano a raccogliere un cesto di marenghi;
e quelli che se la dannavano a testa bassa,
che andavano sempre avanti incespicando,
un po’ con foga, un po’ come le lumache
fra chiari e scuri e che erano maggioranza.
Fra tutti ce n’è che è arrivato lassù in cima
e si dice l’abbiano fatto solo con le loro gambe
e che non hanno usato la legge del leone
che mangia tutto ciò he trova sulla sua strada;
ce n’è parecchi che fan la gambarella,
ci son bravi corridori con le stampelle,
e poi la maggioranza nell’angolo
contenta solo di vivere meglio ciò che poteva.

30 – La cunclusioun

La storia ch’ém racount la è finida
mo nu s’dmandé nissuna cunclusioun
parchè a n savrésmi propi cus’ arspond.
Avém tachè per scherz, cum ch’ém zà dét,
ridénd soura zert robi ch’li n’fà róid
e non parchè ch’a fósmi d’j incusciint,
mo per druvae e’ dét universael:
“… la roba la fà pienz? Ridémi soura!…”
Tl’Itaglia avém racolt quel ch’i s’ha las
quéj ch’j eva al j óngi longhi per raspae;
e’ cmand a n l’ém mai vlú… ch’i l vloiva in trópp,
mo s’i s’trataeva cmè pèzi da pí
alura a rispundimi a scapazun.
Quatroin? a i vlimi ben quand ch’i s’bsugneva
e j eguésta si miglierd ti Bot
i s’feva pena e taenta cumpasioun:
mèj nun, ch’a fimi al cursi sal cambieli!
A n vlimi ufènd nè Prit e nè Partóid,
ch’a sém Cris-cen e avém sempra vutae,
e a dmandém scusa s’avém pas e’ sègn
savénd che l’era pò sultaent un scherz
e che per lou l’era snò… zucaroin!

30 – La conclusione

La storia che abbiam raccontato è finita
ma non chiedeteci nessuna conclusione
perché non sapremmo proprio cosa rispondere.
Abbiamo iniziato per scherzo, come già detto,
ridendo sopra cose che non fan ridere
e non perché fossimo degli incoscienti,
ma per applicare il detto universale:
“… la cosa fa piangere? Ridiamoci sopra…”
Nell’Italia abbiam raccolto quello che ci han lasciato
quelli che avevano unghie lunghe per sgrafignare;
il comando: mai voluto, lo volevano in troppi,
ma se ci trattavano come pezze da piedi
allora rispondevamo a scapaccioni.
Quattrini? li amavamo quando ci necessitavano
e gli egoisti coi miliardi nei Bot
ci facevano pena e tanta compassione:
meglio noi, a rincorrere le cambiali!
Non volevamo offendere nè Preti e nè Partiti,
che siamo Cristiani ed abbiam sempre votato,
e chiediamo scusa se avessimo passato il segno
sapendo che era soltanto uno scherzo
e che per loro erano soltanto… zuccherini!

E’ poeta Eugenio Pazzini

E’ poeta Eugenio Pazzini

L’à ‘d Véla e’ calour de Rumagnul,
cun tótt l’arguzia e tótt la fantasì.
L’è piò poeta, e quand ch’e’ zcor di fiul,
u t s’vèrz e’ cor e t’ s-ciop a stæl sintì.
L’è un vér artésta pe rquant che l’è mudèst :
dai un butoun e Lu u te sà inquadræ
fra zent paroli….
e, in fin de su cuntest, te t’a t’n’incorz
c’l’è bon da fæl parlæ !

Il poeta Eugenio Pazzini

Ha di Villa il calore del Romagnolo,
con tutta l’arguzia e tutta la fantasia.
È più poeta, e quando parla dei figli
ti si apre il cuore e palpiti nell’ascoltare.
È un vero artista per quanto è modesto:
dagli un bottone e Lui te lo sa inquadrare
tra cento parole….
e, alla fine del contesto, tu ti accorgi
che è capace di farlo parlare !

I mirecli dla chirurgì

I mirecli dla chirurgì

A sémm in pina evoluzioun.
Tótt i dè un’invenzioun !
Tótt i dè una roba nova !
Tótt i dè i s dà ‘na prova
d’una granda abilità !
Mo duvè che j arvarà ?!
Oz u t ciapa un azident :
i t cambia e’ cor in t’un mument !
Dò pumpædi, il mètt in mot,
e tè t’dvént dlaelt un bel zumnot.
T’perd ‘na gamba? N’u t’adana !
I t mètt sò quèla d’na scarana !
Al fratagli….j intestòin….
Mo u ti cambia un duturoin !
Mæni e brazi i t’li arzounta
( s’a l j è spéchi, quest un counta )
e s’un ægh e de’ spaghètt
i t tira fura un lavurètt,
c’u n l’à fat, la è sicura (!),
gnenca un dè Madre natura.
Tótt e tótt j à svisceræ
e ben poch l’è rest da fæ
per razònz la perfezioun.
U j è rest snò che’….madoun :
I n’à zquert, per al cambieli,
qualche mod per…. nò pagheli !

I miracoli della chirurgia

Siamo in piena evoluzione.
Tutti i giochi un’invenzione!
Tutti i giorni una cosa nuova!
Tutti i giorni ci danno una prova
d’una grande abilità !
Ma dove arriveranno ?
Oggi ti prende un accidente:
ti cambiano il cuore in un momento !
Due pompate, lo rimettono in moto,
e tu diventi ancora un bel giovanotto !
Perdi una gamba? Non dannarti !
Ti mettono quella di una sedia !
Le frattaglie….l’intestino….
te le cambia un dottorino !
Mani e braccia te le riattaccano
(se son staccate ciò non conta)
e con un ago e del buon spago
ti tirano fuori un lavoretto
che non l’ha fatto, questo è sicuro(!),
nemmeno un giorno Madre natura.
Tutto e tutto han sviscerato
e ben poco è rimasto da fare
per raggiungere la perfezione.
C’è rimasto solo quel….mattone:
Non hanno inventato, per le cambiali,
qualche modo per…non pagharle !

Duvè ch’e’ sta Fis-cioun?

Duvè ch’e’ sta Fis-cioun?

Volta sò in via Rossini,
a sinéstra pò, la sgonda,
ta t’ trov òna ad cal stradini
ch’ la è ziga, che la n’ sfonda.
T’ void a destra una capana,
un ch’e’ sbóffa m’ un fugoun,
un mócc’ ad zenta cla sfulvana
e t’ sì arvat ! Ui stà Fis-cioun !!

Dove sta Fischione?

Volta su in Via Rossini
a sinistra poi, la seconda,
ti trovi una di quelle stradine
che è cieca, che non sfonda.
Vedi a destra una capanna,
uno che sbuffa ad un focone,
tanta gente che si abbuffa:
E sei arrivato! Ci sta Fischione!

E’ pæn de’ marinæer

E’ pæn de’ marinæer

La svéglia la ha sunæ, l’è nota fonda.
E’ marinær l’è strach mo u s’ ha d’alzæ !
A là, te mez de mær u i tocca andæ:
e’ pæn de marinær u n’è sla sponda !

L’è a là, ancoura ad là, dla ròiga nira
duvè ch’e’ fà l’incrous e mær se zil,
l’è a là che e’ marinær, alghed m’un fil,
e’ sfóida la tempesta e la bufira !

Ormai che lumicin l’è in luntanænza,
cumè una lòzla znina t’un cantir…
Da ste mument : un mær countra una lænza,

di fiul che, apena svég’, i vò magné,
dal dòni ch’a l j aspeta s’un panir….
Tót e’ dipènd da quèl ch’j avrà pisché !

Il pane del marinaio

La sveglia ha suonato, è notte fonda.
Il marinaio è stanco ma si deve alzare!
La, in mezzo al mare deve andare:
il pane del marinaio non è sulla sponda!

È là, ancora più in là di quella riga nera
dove fa l’incrocio il mare col cielo,
è là che il marinaio, legato ad un filo,
sfida la tempesta e la bufera!

Ormai quel lumicino è in lontananza,
come una piccola lucciola in un campo…
Da sto momento: un mare contro una lanza,

dei figli che, appena svegli, vogliono mangiare,
delle donne che aspettano con un paniere….
Tutto dipende da ciò che avran pescato!

Tót quell ch’ avem distrott

Tót quell ch’ avem distrott

Basta, Tonino, basta ! … Per pietà!
Nu m’ porta ancoura indrì tal nost “valèti”,
tla pgnoida ad Belli, tra i mac’ ad tamaróisgh
che counta e’ mær i feva murajoun
e i digiróiva anchè la salamoria.
Nu m’ porta ancoura sò vers la “Barcaza”,
longh a la fòssa pina ad buratél,
ch’i s’infileva svilt drointa te grèp
ad ogni spuntunæda dal ranoci,
a d cl’aqua cera, cera de muloin
duvè Geni ad Malètt l’impóiva
un sach ‘d faroina snò a scrulél.
Nu m’ porta piò te bósh ad Puntalèt
a còj ancoura i nóid ad castrisót….
Mitémi un bel madoun ! Nu zcorni piò !!
Nu fà ch’epa da voida ancoura i “munt”.
sal pienti de lat vés-ci….la brujoina….
i pizacul….duvè ch’andimi a Pasqua
a fæ “ruzloina”….
Nu m’ porta ancoura drointa ch’j aquastroin
per imbrustóis al gambi sal mignati
che dop andimi a vènd mé farmacésta…..
Fà ch’a ni vèga piò, cumè tl’insógni,
i baganin spinus ch’i feva pala,
al lózli ch’a l’badæva ad nota e’ græn,
i rozlamerda, i raganaz, al pavaioti….
la fóila di cugól sal stanghi ztorti….
al fossi intasædi dal maroti….
Fà ch’a n li épa piò davænti j ócc’
tóti stal robi
che li m’ s-centa e’ cor !

Tutto ciò che abbiamo distrutto (A Tonino Tognacci)

Basta Tonino, basta!… Per pietà!
Non riportarmi indietro nelle nostre “vallette”,
nella pineta di Belli, tra i cespugli di tamerice
che contro il mare facevano muraglione
e digerivano anche la salsedine.
Non riportarmi ancora su verso la “Barcaccia”
lungo la fossa piena di anguille
che s’infilavano svelte nell’argine
ad ogni tutto dei ranocchi,
in quell’acqua chiara, chiara del mulino
dove Eugenio di Malèt riempiva
un sacco di farina solo a scrollarlo
Non mi portare più nella boscaglia di Puntalèt
a cogliere ancora i nidi di castrisotti….
Mettiamoci un bel mattone ! Non parlarne più !!
Non fare che debba vedere ancora le dune
colle piante del latte vischio…il giunco…
i “pizzaculi”….dove andavamo a Pasqua
a far ruzzolare le uova….
Non mi portare ancora dentro gli aquitrini
per appicicarci le gambe di mignatte
che dopo andavamo a vendere al farmacista….
Fa che non veda più come in un sogno,
i ricci che facevano palla,
le lucciole che guardiavano di notte il grano,
i “ruzzolamerda”, i ramarri, le farfalle….
la fila dei cogolli colle stanghe storte….
le fosse intasate di marotte….
Fa che non le abbia più davanti agli occhi
tutte queste cose
che mi schiantano il cuore !