Ma Tonino Tognacci – poeta pitour

Ma Tonino Tognacci – poeta pitour

Caro Tonino, a dmand e’ tu pardoun
perchè um pær d’ éss stæ tænt lazaroun,
d’avòi distrótt per sempra se’ ziment
un mond che l’era tótt un monument !

Che’ mond c’u t racuioiva da “Spagnul”
tra e’ chent ad tént pazét e canarul,
un mond tótt cunturnæd da la brujòina
duvè che tè, poeta, ogni matòina,

fénd finta d’andæ snò per la Lucia,
t’ truvivi tænta pæsa e poesia,
duvè che tóti al forzi dla natura,
c’u s détt e’ nost Signour sa’ tænta cura,

a l j era che bel sens dla libertà,
che un om te mond per sempra e’ zircarà.
Oz èmm distrótt per sempra, as chi palaz,
e’ chent dal raganeli drointa e’ guaz

ch’al j era la piò bela cumpagnì
per te, te’ còcc’, c’l’in t’feva mai durmì.
Caro Tonino, oh quant c’a sò pentóid !
Ho guast per sempra quèl c’l’era e’ tu nóid !

Um resta snò i tu quedri per guardæ
e’ paradóis chi’ póst che un dè j è stæ,
chi’ quedri amunitur che j è un rinfaz
per quéi ch’j à costruì tótt chi’ palaz

e me, tra d’lou am sint e’ piò birbuon !
Dói me’ tu pnèl c’um daga e’ tu pardoun !!

A Tonino Tognacci poeta pittore

Caro Tonino domando il tuo perdono
perche mi pare d’essere stato tanto lazzarone,
d’aver distrutto per sempre col cemento,
un mondo che era tutto un monumento !

Quel mondo che ti accoglieva da “Spagnul”
fra il canto di tanti pazzetti e cannaroli,
un mondo tutto contornato dai giunchi,
dove tu, poeta, ogni mattina,

fingendo d’andare solo per la Lucia,
trovavi tanta pace e poesia,
dove tutte le forze della natura,
che ci dette nostro Signore con tanta cura,

eran quel bel senso della libertà,
che un uomo nel mondo per sempre cercherà.
Oggi abbiamo distrutto con quei palazzi,
il canto delle raganelle dentro i guazzi,

che erano la più bella compagnia
per te, nel cuccio, che non ti facevano dormire.
Caro Tonino, oh quanto son pentito!
Ho guastato per sempre quello che era il tuo nido!

Ci restano solo i tuoi quadri per guardare
il paradiso che quei posti un giorno sono stati.
Quei quadri ammonitori che sono un rimprovero
per quelli che han costruito tutti quei palazzi

ed io, tra loro, mi sento il più birbone!
Dì al tuo pennello che mi dia il suo perdono !!

E’ mi gat (e’ bdoc’ arfat)

E’ mi gat (e’ bdoc’ arfat)

U s’ cema Pucci e’ mi gatoun,
s’n poil biench cumè e’ lat,
mo luzuous(!), sempra nir cumè e’ carboun.
A marcord quand che l’è ‘rvat:
i l’ha trov i mi burdél,
mort ad fæma, scheletroid….
Oz l’è dvent un gat arzél:
e’ magna e’ pèss, mo snò ti spoid !

Il mio gatto (il pidocchio rifatto)

Si chiama Pucci il mio gattone,
con un pelo bianco come il latte,
ma lozzoso(!), sempre nero come carbone.
Ricordo quando è arrivato:
l’han trovato i miei ragazzi,
morto di fame, scheletrito….
Oggi è diventato un gatto arzillo:
mangia il pesce, ma solo allo spiedo!

Us fa sempra temp a..muri’

Us fa sempra temp a..muri’

E’ pori Giuli l’avòiva Utænton’an (88),
un dè l’era te’ let s’un pò d’afan,
e’ và Trumbèta, ui dà ‘na visitæda
e lu: “Dutour, la mi vóita la è andæda !”

“Ma cosa dite, buon Giulio, vi sbagliate,
con questa cura è certo che campate
ancora per vent’anni, di sicuro,
ma occorre farsi forza, tener duro”….

E’ pori Giuli l’alzét ch’i dó ucin
e, sun fóil ‘d vousa, acsè cumè un gatin,
e’ guæerda me’ Dutour da sòta in sò
e ui dóis : “Perchè ?! Mo dop u n gne n’è piò ?”

Si fa sempre tempo a morire

Il povero Giulio aveva Ottantott’anni (88),
un giorno era nel letto con un po’ d’affanno,
và Trombetta, gli da una visitata
e lui: “Dottore, la mia vita è andata !”

“Ma cosa dite, buon Giulio, vi sbagliate,
con questa cura è certo che campate
ancora per vent’anni di sicuro,
ma occorre farsi forza, tener duro”….

Il povero Giulio alzò quei due occhietti
e, con un filo di voce, così come un gattino,
guarda il Dottore da sotto in su
e dice: “Perchè ?! Ma dopo non ve ne sono più ?”

Burdéll, a tourni indri

Burdéll, a tourni indri

Avòi ‘na bèla ròla d’una volta
s’un fass ad stræm per fæi ‘na razaieda…
Un bel tulir, si’ pì sal carnazèti
e soura pida més-cia ad furmantoun…

Avoi un bel sulær fat ad madun,
sal creti pini ad tera zamparouna,
e te’ cantoun i stécch d’una fassoina
dal zæmpi dal galòini sfurgatid…

Avdòi e’ fómm ch’e’ bòta indrì e’ camoin…
un bel caldir tótt nir soura e’ tripì…
Chi dó, tré zócch ch’i brusa tótt l’inverni…

Avòi e’ stòmgh lizir cumè una volta…
C’al j erbi c’a l buteva méla udur…
Burdéll ! Mè a faz ‘na roba : a tourni indrì !!

Ragazzi, torno indietro

Avere una bella arola d’una volta
con un fascio di paglia per fare una sfiammata…
Un bel talliere con le gambe con le catenaccette
e sopra piada mista di frumentone…

Avere un bel pavimento fatto di mattoni
con le connessure piene di terra attaccaticcia,
e nell’angolo una fascina di sterpi
dalle zampe delle galline frugacchianti…

Vedere il fumo che rigetta il camino…
un bel paiolo tutto nero sopra un tripiede…
Quei due, tre zocchi che bruciano tutto l’inverno…

Avere lo stomaco leggero come una volta…
Quelle erbe che avevano mille odori….
Ragazzi ! Io faccio una cosa: torno indietro !!

L’indiferént

L’indiferént

E lì c’la ciacaræva, c’la urleva,
senza mai smètt e senza ciappæ fiè,
mo lù e’ magneva e zétt !
La j à port vì e’ piat da sòta e’ næs,
l’à svòit un bicir ‘d vòin droint e’ scafoun,
mo lù u n s’è scumpost da la scarana !
La j à scrulé la tvaja soura al znòci,
la à trat un trochli ad pæn
countra una porta…
e lù..l’à zòis ‘na bèla zigarèta
e pù l’è scap !

L’indifferente

E lei che chiacchierava, che urlava,
senza mai smettere e senza prender fiato,
ma lui mangiava e zitto !
Gli ha portato via il piatto da sotto il naso,
ha vuotato un bicchiere di vino nell’acquaio,
ma lui non si è scomposto dalla sedia !
Gli ha scrollato la tovaglia sopra le ginocchia,
ha tirato un tozzo di pane
contro una porta….
e lui… ha acceso una bella sigaretta
ed è uscito !

L’Om e e’ Mær

L’Om e e’ Mær

L’onda c’la bat
la intrèzza i pansir c’l’à tla testa,
cl’Om avilòid
ch’e’ camóina sla spiagia.
Cl’Om avilóid c’un suporta la zenta,
la boba dla stræda,
al risedi ad quèi ch’i ne sà
che lù u n’à voja da róid.
L’onda la ciacra, la ciacra.
e la s’ smorta pien, pien t’una s-ciòma
cl’ai fà una carèzza mi pì
e cl’Om, c’un róid mai,
c’u n n’à voja,
in silenzi e’ ragiouna sa lì.

L’Uomo e il Mare

L’onda che batte
intreccia i pensieri che ha nella testa,
quell’Uomo avvilito
che cammina sulla spiaggia.
Quell’Uomo avvilito che non sopporta la gente,
il chiasso della strada,
le risate di quelli che non sanno
che lui non ha voglia di ridere.
L’onda chiacchiera, chiacchiera
e si spegne pian piano in una schiuma
che gli fa una carezza nei piedi
e quell’Uomo, che non ride mai,
che non ne ha voglia,
in silenzio ragiona con lei.

La saragoina (Anno 1994)

La saragoina (Anno 1994)

Ho fat una magneda ad saragoina,
côta sla tèggia, impanæda tla faroina,
daquæda s’una bocia e piò a d sanzvôis,
ch’a m stagh curénd la pænza da un môis,
ch’a j ho, un gran sgumbôj, un buliroun,
cumè e’ scuncass d’una rivoluzioun.
A pærta e’ fat che i n tla prôima nota,
a j ho cnù fæ si mi lanzul ‘na lota,
ch’avoiva sempra i pì soura e’ cussôin
e che ho impstæ la cambra ad pózza ad vôin,
che la mi môj la ha cnù fæ sachét
e la è cnù andæ a durmôi te gabinet,
ho pass ‘na stmæna, guasi tót i dè,
a fæm dla capuméla a fæm de tè,
ch’i m feva guasi schiv a butèi zò,
mo i mi burdél (!) a n ni putôiva piò
e a sò cnù andæ anchè da e’ dutour
che u m’ ha dét: “Mi bel divuratour,
t’é fat ‘na magnadaza cumè un mul ?
Ades instècti quèsti sò te cul !”
E u m’ha dæ una scatla ad supustouni,
che quand ch’a m’ li infileva, cal sburouni (!),
e’ paroiva ch’a l gés me mi didrì:
“Eccomi quà ! Prepærti a strimulì !”
Avoiva lèt un dè t’una rivésta,
che e’ pèss azòr l’è mèj d’un farmacèsta
per quéi ch’ patés a d trop culesterol
e mè, che l’è e’ punt che piò u m dol,
ch’l’è quatrizent e passa e u n vò calæ,
ho pens d’ magnén e anchè d’esageræ,
acsè, ho dét: “e’ calarà de tót,
ste brót culesterol, sté farabót !”
Ah ! L’è calæ ?! Figurti s’ l’è calæ !
Me a dégh che sa quèl ch’a m sò inguzæ,
l’è arvat ma méla e, s’u n’è pas ad là,
u n’è stæ ælt che per fatalità.
Un bon cunségli, ch’i da tnói ben count:
se t’ magn la saragoina, tinti prount
che lì la girà sempra: “Bóta zò !”
E tè d’acord sa lì ta n t’ fermi piò,
perchè la è cumè una putanaza,
che piò tla magn e piò ta t god la fazza,
e pù nu t zcorda che, s’ t’é prov trop góst,
e’ pù fnì t’un Uspidæl o in piò brót póst !!

La saraghina (Anno 1994)

Ho fatto una mangiata di saraghina,
cotta sulla teglia, impanata nella farina,
innaffiata con una bottiglia e più di sangiovese,
che mi sto curando la pancia che è un mese,
che ho un gran scompiglio, un bollirone,
come lo sconquasso d’una rivoluzione.
A parte il fatto che la prima notte,
ho dovuto fare coi miei lenzuoli una lotta,
che avevo sempre i piedi sopra i cuscini
e che ho impestato la camera di puzzo di vino,
che mia moglie ha dovuto far sacchetto
e andar a dormire nel gabinetto,
ho passato una settimana, quasi tutti i giorni,
a farmi della camomilla, farmi del tè,
che mi facevano quasi schifo a ingurgitarli,
ma, ragazzi miei (!) non ne potevo più
e son dovuto andare anche dal dottore
che mi ha detto: “Mio bel divoratore,
hai fatto una mangiata come un mulo ?
Adesso infilati queste su nel culo! “
E mi ha dato una scatola di suppostone,
che quando me le infilavo, quelle spaccone (!),
sembra dicessero al mio di dietro:
“Eccomi quà ! Preparati a stremolire !”
Avevo letto un giorno in una rivista,
che il pesce azzurro è meglio del farmacista
per quelli che soffrono di tanto colesterolo
ed io, che è il punto che più mi duole,
che è quattrocento e passa e non vuole calare,
ho pensato di mangiarne ed anche esagerare,
così ho detto: “calerà del tutto,
‘sto brutto colesterolo, ‘sto farabutto!”
Ah ! È calato?! Ma figurati se è calato !
Io dico che con tutto quel che ho ingozzato,
è arrivato a mille e, se non è passato di là,
non è stato altro che per fatalità.
Un buon consiglio, da tener ben conto:
se mangi la saraghina, tieniti pronto
che lei dirà sempre: “Butta giù!”
E tu d’accordo con lei non ti fermi più,
perché è come una puttanaccia,
che più la mangi e più ti godi la faccia,
ma non dimenticare che, se hai provato troppo gusto,
puoi finire in un Ospedale o in un più brutto posto !!