L’Om e e’ Mær

L’Om e e’ Mær

L’onda c’la bat
la intrèzza i pansir c’l’à tla testa,
cl’Om avilòid
ch’e’ camóina sla spiagia.
Cl’Om avilóid c’un suporta la zenta,
la boba dla stræda,
al risedi ad quèi ch’i ne sà
che lù u n’à voja da róid.
L’onda la ciacra, la ciacra.
e la s’ smorta pien, pien t’una s-ciòma
cl’ai fà una carèzza mi pì
e cl’Om, c’un róid mai,
c’u n n’à voja,
in silenzi e’ ragiouna sa lì.

L’Uomo e il Mare

L’onda che batte
intreccia i pensieri che ha nella testa,
quell’Uomo avvilito
che cammina sulla spiaggia.
Quell’Uomo avvilito che non sopporta la gente,
il chiasso della strada,
le risate di quelli che non sanno
che lui non ha voglia di ridere.
L’onda chiacchiera, chiacchiera
e si spegne pian piano in una schiuma
che gli fa una carezza nei piedi
e quell’Uomo, che non ride mai,
che non ne ha voglia,
in silenzio ragiona con lei.