Dutour


Dutour – (Lèttra m’un Dutour acsè per roid)

Avoiva mael te stomghi, dop magnè
E andae de corp u m feva un pò rabié.
Te t’a m’è fat la tu bela rizeta,
qualcosa, acsè, per regulae la dieta,
e pù t’a m’ è mand fae i “RAGI” d’uspidael.
Mèga a pos dòi ch’i m’epa fat trop mael,
Però i m’ha bòt mez nud nud s’un tavulaz,
prilèndmi ad qua e ad là cumè un baldaz,
s’un bivaroun ch’i m deva taent da spèss,
che, quand ch’a chégh, a chégh ancoura e’ zèss!
O che j avrà vést mael, o te ta ‘n gné capì,
t’ m’è mand a fae una “GASTRUSCUPI’”.
Méga per lamante, mo che tubet,
ch’ i t’ instèca zò tla goula zenza smet,
u m deva una fata senzazioun
ch’i vlés faem fae la “caca” s’un bastoun.
S’ la fòss finida a lè andrésmi ben,
mo un’ aenta idea a là tla testa u t’ ven:
“T’ vù andae, ch’ a t’ mand a fae l’ ECOGRAFI”?
Và ben, Andéma po’! Ch’ s’a t poss dì?!
I m’ha ount tot s’una spece d’unzioun,
cum ch’ e’ cundés e’ pèss e’ bon Fic-cioun,
e ho pansae: “Burdél! Sa s’ tla cundida
i m’ mèt soura al gradeli e la è fnida!”
Invici ho vést un bel televisour,
ch’ u n feva nisun mael, nisun rumour,
ch’ u m’ ha fat voida tòt i mi intestoin:
Fura a sém bél! Mo drointa, che casoin!!
La n’è fnida ancoura e’ mi dutour:
sicom ch’ e’ dura sempra e’ mi dolour,
t’ m’è fat un aent bigliet ch’ a n l’ ho capì:
“L’è gnent – t’è dét – l’è la RETTOSCOPI”.
Aloura a m’ so incazae propri da bon.
Te t’ vria che mu me, m’ un pori Non,
ch’ l’è sepmra stae taent zlous de su di dri,
ch’i t’j inflés un tub? Mo un tub ma chì?
Dutour! Me a t voi ben cumè m’ un fiul,
mo stavolta a dégh ad nòòò! Nu m toca e’ cul!!

Post Scrittum:
Invici a l’ho fat che bròt pastroc:
La mi paura adès?: c’a dventa un f….!

Dottore – (Lettera a un dottore così per ridere)

Avevo male allo stomaco, dopo mangiato
E andare di corpo mi faceva un po’ arrabbiare.
Tu mi hai fatto la tua bella ricetta,
qualcosa così per regolare la dieta
e poi mi hai mandato a fare i “RAGGI” all’ospedale.
Mica posso dire che mi abbiano fatto troppo male,
però m’han buttato mezzo nudo s’un tavolaccio,
rigirandomi di qua e di là come un fantoccio,
con un beverone che mi davano tanto spesso,
che quando cago, cago ancora gesso!
O che avran visto male o che tu non hai capito,
mi hai mandato a fare una “GATROSCOPIA”.
Mica per lamentarmi, ma quel tubetto,
che t’infilano nella gola senza smettere,
mi dava una certa sensazione
che volessero farmi fare la “cacca” con un bastone!
Se fosse finita lì andremmo bene,
ma un’altra idea in testa ti viene:
“Vuoi andare, che ti mando a fare l’ECOGRAFIA”?
“Va bene! Andiamo pure! Cosa posso dire?!”
Mi hanno unto tutto con una specie di unzione,
come condisce il pesce il buon Fischione,
e ho pensato: “Ragazzi! Con questa condita
mi mettono in graticola ed è finita!”
Invece ho visto un bel televisore
che non faceva nessun male, nessun rumore,
che mi hanno fatto vedere tutti i miei intestini:
Fuori siam belli! Ma dentro che casino!!
Non è finita ancora il mio dottore:
siccome dura sempre il mio dolore,
m’hai fatto un altro biglietto che non ho capito:
“E’ niente – hai detto – è una RETTOSCOPIA”.
Allora mi sono incappellato proprio davvero.
Tu vorresti che a me, un povero Nonno,
che è stato sempre geloso del suo di dietro,
che gli infilassero un tubo? Ma un tubo a chi?
Dottore! Io ti voglio bene come a un figlio,
ma stavolta dico nooo! Non toccarmi il culo!!

Post Scrittum:
Invece l’ho fatto quel brutto pastrocchio:
la mia paura a desso?: che diventi un f…….!