L’insògni

L’insògni

” Avanti, òintra, c’u j è post per tótt !”
l’à dét San Pir, caichéndmi se’ bastoun.
“Mè, …. verament… in fat ad religioun…”
e Lu u m’à détt: “T’è fat e’ farabótt ?”

“E’ farabótt ho zirch ad nò fæl mai,
però tla Cisa….ai sò andæ puchin…”
“Bravo, at cròid (!), i vin ch’j è tótt ciarghin !
Tè, e’ mænch t’al dói… e t’a n mi mèt ti’ guai !”

Um dmanda: “Ët rubé?” e mè “gnenca un baoch !”
“… Aloura at mèt tla cambra di’ pataca.”
E mè.. “A fæ j unést aloura e’ counta poch !”

U m’à rispost San Pir… “Quèsta la n taca !
Tótt quèj ch’j à vlù fæ cròid d’ès trop unést.
j è in pròima fóila, sè (!), mo ui pensa Crést !!”

Il sogno

“Avanti, entra, che c’è posto per tutti !”
ha detto San Pietro, spingendomi col bastone.
“Io…. veramente… in fatto di religione…”
e Lui mi ha detto: “Hai fatto il farabutto?”

“Il farabutto ho cercato di non farlo mai,
però nella Chiesa… ci sono andato pochino…”
“Bravo, ti credo (!), vengono che son tutti chierichetti!
Tu, almeno lo dici… e non mi metti nei guai !”

Mi domanda: “Hai rubato? ed io “nemmeno un soldo !”
“… Allora ti metto nella camera dei fessi.”
Ed io… “A far gli onesti allora conta poco !”

Mi ha risposto San Pietro… “Questa non attacca !
Tutti quelli che han garantito di essere troppo onesti,
sono in prima fila, sì (!), ma ci pensa Cristo !!”