Un mær da grech-alvænt

Un mær da Grech-Alvænt

E’ chésca zò la nòiva a pandalét,
ch’i rófla da punent a tramuntæna;
l’è pena arvat in tera una batæna
ad purazer; ch’j ha ancoura i cavél rét!

A l j ondi al dà s-ciafi tla scuglira !
E’mær l’è dvent introvdi t’un mument !
Quatri cuchel i pédga countra vent,
butéd sempra piò indrì da la bufira.

Dmæn è darà fura un gran furien,
ch’u t’ giazarà i candlót fina me næs,
e e’ durarà set dè se la và ben,

e bsogna ciutsi a d chesa per scaldæs.
S’ l’è ointri, però, in port tót i batéll
dmæn a fém la “gata” i mi burdéll !

Un mare da Greco-Levante

Cade giù la neve a larghe falde
che rigola da ponente a tramontana;
è appena arrivata a terra una batana
di vongolai che hanno ancora i capelli diritti!

Le onde danno degli schiaffi alle scogliere!
Il mare è diventato torbido in un momento!
Quattro gabbiani si affannano contro vento
sospinti sempre più indietro dalla bufera.

Domani arriverà un gran tramontanese
che ti gelerà le candele fino nel naso
e durerà sette giorni se andrà bene

e bisognerà chiudersi in casa per riscaldarsi.
Se sono , però, entrati in porto tutti i battelli
domani facciamo la sbornia, i miei ragazzi!