La stræda ad spôin

La stræda ad spôin

A vagh avænti d’ingatun
tra stal sivi ad rugh,
ch’a l crèss, cumè gramègna,
te mez dla stræda.
Ogni spôin
l’à un brandel ‘d cherna d’un om…
ogni spôin
l’à un pèz di mi castél in aria
ch’a m feva da burdel…
Piò lærga ch’ la s fà la stræda
ch’a m s’era insugné,
piò fétti al dventa al sivi…
piò sgózz i dventa i spôin…
Sempra piò pien,
sempra piò gubun,
a vagh avænti,
s’un gran brusour tla scoina,
mo a n vói farmæm,
per nò fæ god la morta !!

La strada di spine

Vado avanti carponi
tra queste siepi di rovi
che crescono come gramigna
in mezzo la strada.
Ogni spina
ha un brandello di carne di un uomo…
ogni spina
ha un pezzo dei miei castelli in aria
che mi facevo da bimbo…
Più larga si fa la strada
che avevo sognato,
più fitte diventano le siepi…
più aguzze diventano le spine…
Sempre più piano,
sempre più carponi,
vado avanti,
con un gran bruciore di schiena,
ma non voglio fermarmi,
per non fare godere la morte!!